Il pettirosso e il suo dispettoso cugino

Ed eccomi qua a narrarvi gli incontri di questa settimana.
Bisogna essere sempre attenti, non si può mai sapere in chi ci potremmo imbattere!
E infatti l’altra sera passeggiavo al Porto Antico e chi mi ritrovo davanti?
Ehi, che ci fa un uccellino a passo di carica sull’Isola delle Chiatte?
E’ una buona domanda alla quale non so come rispondere, sinceramente!

Uccellino  (2)

Tra il resto io ero lì per ammirare il sole che si tuffa nel mare.
Cosa scegliere? Seguire il piccolo pennuto oppure il tramonto?
Bel dilemma, alla fin fine prima mi sono dedicata al mio nuovo incontro, lui guardava l’orizzonte, con una certa nostalgia.

Uccellino  (3)

E poi a un certo punto si è ricordato di avere un paio di ali e si è alzato in volo verso la nave Italia.

Uccellino

E il tramonto? Non l’ho perso, era languido e caldo, da innamorarsi.

Tramonto

Ma io oggi sono qui a portare un’ambasciata da un mio piccolo amico, il pettirosso che ieri mattina ho incontrato in Corso Firenze.
Era lì, sul solito albero, i tipi affidabili sai sempre dove trovarli.

Pettirosso (2)

E dunque, dovete sapere che la mia amica Viv si sta dedicando a confezionare splendidi scaldacollo come questi che trovate qui.
E insomma, per affrontare i rigori dell’inverno anche il pettirosso gradirebbe uno scaldacollo piccino della sua misura, mi pare giusto, no?
Il pettirosso dice che lo vorrebbe in morbido cachemire e sui toni del beige, sarebbe perfettamente  in nuance con il suo piumaggio.
Ah, si raccomanda di non dir nulla a suo cugino, quello che se ne va a zonzo per il Porto Antico, pare che gli rubi sempre le cose dall’armadio!
Vai a sapere, beghe tra piccoli pennuti!

Pettirosso