Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Piazza De Ferrari’

Un tempo si stagliava sulla porta dell’Acquasola, la figura di questa giovane martire si ergeva sopra di essa.

La porta cinquecentesca era collocata nell’attuale Piazza Corvetto, lo storico Luigi Augusto Cervetto scrive che si trovava nel punto dove ora vediamo la statua di Vittorio Emanuele II, la porta venne poi demolita all’inizio dell’Ottocento per lasciar posto a una nuova idea di città.
La Santa che da lassù volgeva il suo sguardo sui genovesi trovò invece una nuova collocazione presso l’Accademia Ligustica di Belle Arti in Largo Pertini, a fianco del Teatro Carlo Felice.

Ancora adesso potete ammirarla, è ospitata nella nicchia in cima alla prima rampa di scale.

Ai piedi della statua un’iscrizione narra che questa pregevole scultura è opera di Guglielmo Della Porta, artista vissuto nel ‘500, la sua Santa Caterina d’Alessandria venne trasferita qui nel 1830.

Caterina, giovane vissuta intorno al 300, Caterina che morì in nome della sua fede in Cristo.
Le cronache narrano che venne condannata all’atroce pena della ruota ma il terribile strumento nel suo caso si ruppe, tuttavia questo non bastò a salvare la sua vita.
Nell’arte la figura di Caterina viene sempre rappresentata con la ruota spezzata e in questo modo la vediamo anche in questa raffigurazione.

Una giovane bella e aggraziata, porta sul capo una corona e stringe tra le dita una palma, questo è il simbolo del suo martirio.

Appartiene ad un passato che non abbiamo veduto e che non riusciamo neanche immaginare: non c’era la piazza che sempre percorriamo e c’era una porta maestosa, nel centro di Genova.
E là, nell’azzurro cielo, si ergeva nella sua bellezza armoniosa il profilo di una martire cristiana: era un altro tempo e la Porta dell’Acquasola era custodita da Santa Caterina d’Alessandria.

Read Full Post »

La pioggia di primavera arriva come una musica che non ti aspetti.
Scende fragorosa, bagna caruggi e piazze, abbaini e tetti.
E sono diverse sfumature di bianco e danze di ombrelli, in Via Lomellini.

Grigio?
Non sempre.
Insegne luminose, persiane, tende tirate in fuori, striscioni appesi tra un palazzo e l’altro.
Acqua, gocce che scivolano giù.

E camminare, piano, sotto la pioggia di primavera.

In uno di questi giorni di maggio ho anche avuto la fortuna di trovare aperto il cancello di Vico Chiuso della Rana.
Non c’ero mai stata prima fin laggiù.
E pioveva.
E c’erano dei panni stesi, sotto la pioggia.
E l’acqua scendeva.
Là, in fondo al vicolo, un portone e un’edicola vuota, un tempo ospitava una statua di Nostra Signora della Misericordia.
Nella mia città ideale i caruggi non hanno cancelli e tutte le Madonnette sono al loro posto.

Quando piove, in primavera le pozzanghere diventano specchi magici.

E poi arriva il sole, le nuvole si inquietano, si scostano e lasciano intravedere il cielo.

E poi ancora di più, speranza bella di giornate serene.

La pioggia di maggio, in Strada Nuova, può avere i toni del nobile velluto e dei petali delle semplici primule.

La pioggia, a volte, è musica.
Di scrosci di acqua della fontana, di note leggere, di melodie che risuonano dentro al Teatro Carlo Felice.

E poi si rasserena e torna l’azzurro, all’improvviso.
E volano i gabbiani, nel cielo pulito di primavera.

Read Full Post »

L’ho visto per caso, pochi giorni fa: era lì appeso in Via Garibaldi, dove inizia Via ai Quattro Canti di San Francesco.

Poesia (1)

Un foglio, una poesia.
E così mi sono fermata a leggere.

Poesia (1a)

Inaspettati versi per le strade di Genova, non sapevo di cosa si trattasse ma poi l’ho scoperto grazie a Rita, una mia lettrice, questi componimenti sono parte di un progetto artistico, questa è la poesia errante di Ma Rea.
E quindi, camminando per il centro, prestate attenzione.
Io non ho cercato queste poesie, semplicemente i miei occhi le hanno incontrate e potrebbe capitare anche a voi, io le ho viste attaccate a dei pali.
Ed eccoci in Via XXV Aprile.

Poesia (2)

Lo Stendiversomio, questa è una delle sue fermate poetiche.

Poesia (2a)

E ce ne sono altre in giro per il centro di Genova.
In Vico Falamonica alzate lo sguardo, fatelo anche voi.

Poesia (3)

La poesia sa essere parola gentile, nel nostro quotidiano a volte rumoroso è un incontro particolarmente gradevole.
E per quanto mi riguarda apprezzo anche che questo dono sia offerto in questo modo così garbato, per nulla invasivo e volutamente effimero.
Ancora, qui.
Sullo sfondo il Teatro Carlo Felice e un cielo carico di nuvole grigie.

Poesia (4)

Ne troverò ancora?
Può darsi, forse.
“Tra i vicoli della sera e i boulevards di questo inchiostro”.

Poesia (5)

Read Full Post »

Torno ancora a raccontarvi vicende del passato tratte da un mio prezioso libro, Genova Nuova, questo volume risale al 1902 e narra con dovizia di particolari la crescita e lo sviluppo della Superba sul finire dell’Ottocento.
Alcune pagine sono dedicate a Cesare Gamba, protagonista indiscusso delle innovazioni urbanistiche e del riassetto della città: egli fu un professionista eclettico ed intuitivo, un uomo dai molteplici interessi e dal variegato ingegno.
Architetto ed ingegnere, abile uomo d’affari, apparteneva ad una famiglia molto abbiente, era alpinista e amante della musica, in particolare aveva un debole per Wagner, fu anche un automobilista e il suo nome figura tra i fondatori dell’ACI.
Trascrivo qui una citazione tratta da Genova Nuova, queste parole sottolineano la tempra di Gamba e la sua vivace intelligenza:

L’ingegnere Cesare Gamba è uno dei fortunati che riescono simpatici a tutti, perché favoriti da madre natura delle più invidiabili doti: quelle della mente e del cuore.

cesare-gamba

Immagine tratta da Genova Nuova – Volume di mia proprietà

La sua figura si lega in particolare alla realizzazione di Via XX Settembre, operazione che comportò importanti demolizioni e che cambiò del tutto l’aspetto della città, fu lui a progettare il Ponte Monumentale e il Palazzo della Navigazione Generale Italiana a De Ferrari attualmente sede della Regione Liguria.

ponte-monumentale

Ed è evidente che queste poche righe a lui dedicate non rendono giustizia alla complessità del personaggio e alla sua spiccata personalità, fu certo un uomo affascinante e protagonista del suo tempo, la sua idea di città sembra ancora adattarsi alla perfezione alle esigenze della nostra epoca.

via-xx-settembre

Sul finire dell’Ottocento Cesare Gamba acquistò una villa che era appartenuta ai Marchesi Ricci, l’edificio si trovava sulla ridente collina di Montesano, alle spalle della Stazione Brignole.
Gamba avviò una serie di lavori che comprendevano demolizioni e ristrutturazioni, progettò la dimora secondo il suo gusto: quella sarebbe divenuta la sua casa.

vialla-gamba-1

Immagine tratta da Genova Nuova – volume di mia proprietà

E sempre sulle pagine di Genova Nuova si legge che il piano terreno fu destinato alla vita quotidiana e di ricevimento, con tutti gli agi e le comodità.
L’appartamento vero e proprio si trovava invece al primo piano dove era situata anche la ricca biblioteca dell’ingegnere, nei fondi e nel sottotetto c’erano tutti i servizi.
La villa aveva una spaziosa hall e grandi vetrate, uno scalone di marmo rosa, una balaustra in ferro battuto e bronzo, fastose colonne di marmo giallo.
Un’abitazione grandiosa per un uomo che mutò l’aspetto della sua città, ecco la villa nel dettaglio di una cartolina di proprietà del mio amico Pier Giorgio Gagna che qui ringrazio per il cortese prestito.

villa-gamba-2

Ovviamente la bella villa dell’ingegner Gamba aveva attorno un vasto giardino, era una dimora incantevole in una zona all’epoca non ancora soffocata dal cemento.
Eccola sullo sfondo, nella cartolina del mio amico Eugenio Terzo, è l’unica abitazione che svetta sui dolci rilievi alle spalle di Brignole.

Piazza Verdi

Sembra che la dimora non abbia subito danni durante la Seconda Guerra Mondiale, tuttavia in seguito venne demolita per lasciar spazio a moderne costruzioni.
Da Via Fiume volgete lo sguardo verso Via Montesano, dove un tempo era la villa di Gamba, questo è il panorama che si presenta ai vostri occhi.

stazione-brignole

Come tutti i grandi genovesi anche l’illustre architetto ed ingegnere dorme il suo sonno eterno a Staglieno, lo trovate nel porticato inferiore a ponente, nella stessa tomba riposano i suoi genitori.
Il monumento è opera di Giovanni Battista Cevasco.

tomba-gamba

Alto intelletto e nobile spirito, le parole che lo ricordano rendono onore ai suoi molti talenti.

tomba-gamba-2

Visse 76 anni, in un periodo di profondi cambiamenti per la sua Genova.
Nella casa abbarbicata sulla collina di Montesano sapeva osservare la sua città con sguardo lungimirante, era capace di vederla oltre il proprio tempo.
Io per qualche istante l’ho immaginato ritto davanti a una di quelle alte finestre, pensieroso e assorto.
Davanti ai suoi occhi una città mutata e rinnovata, una Genova diversa, una Genova Nuova.
A noi è rimasto il frutto del lavoro di Cesare Gamba, si è perduta quella casa che fu scenario di parte della vita di un uomo dal grande carisma.

piazza-verdi

Read Full Post »

Non è solo Palazzo Ducale a risplendere di tinte accese nella notte di Genova, nel tempo di queste feste di Natale la luce veste di colore la fontana di Piazza De Ferrari, un sistema a Led regala un gioco cangiante e mutevole per un effetto molto scenografico.

de-ferrari-1

Tutti i colori dell’arcobaleno, dal lilla al rosa.

de-ferrari-2

de-ferrari-3

E sfumature di giallo e di arancio.

de-ferrari-4

Sapete cosa vi dico? Io sono contenta di essere una di quelle persone che si entusiasmano semplicemente per dell’acqua colorata in una fontana e so di non essere la sola.

de-ferrari-5

Una magia incantevole che dona nuova bellezza alla nostra piazza.

de-ferrari-6

Quando viene buio.

de-ferrari-7

In questo luogo che appartiene a tutti noi.

de-ferrari-7a

Sullo sfondo i manifesti delle mostre che potrete visitare a Palazzo Ducale e poi questi colori vivaci.

de-ferrari-8

A volte sì, a volte la modernità sa essere in armonia con ciò che ci è stato lasciato da chi ci ha preceduto.

de-ferrari-9

Una preziosità che può essere una piccola gioia per grandi e piccini.

de-ferrari-10

E quando vi soffermate a osservare i getti multicolori della fontana di De Ferrari posate lo sguardo su quelle parole che narrano una storia della Superba, sono in memoria di Carlo Piaggio, colui che regalò a Genova la sua fontana: tenace affetto di ligure superando il destino alla sua città donava.

de-ferrari-11

E ci sono tanti modi per guardare Genova, io amo guardarla così, con occhi innamorati di lei.

de-ferrari-12

Read Full Post »

Quando fuori piove a volte il mondo sembra in bianco e nero.
Piove, in questi giorni, piove senza vento.
E sono pozzanghere, clic clac di ombrelli ed impermeabili.
E tic tac di gocce sulla ringhiera, foglie bagnate e profumo di acqua.
Alla pioggia ognuno di noi reagisce in maniera diversa: certi sono imperturbabili, si contraddistinguono per olimpica calma.

via-xx-settembre-1

Piove.
E ognuno si ripara come meglio può.

via-xx-settembre-2

E quando piove l’ideale è camminare sotto i portici.
E intanto chiacchieri, guardi le vetrine dei negozi, magari ti fermi da qualche parte per un caffè.

via-xx-settembre-3

Malgrado il cattivo tempo i temerari delle due ruote certo non abbandonano il loro mezzo di trasporto preferito.

via-xx-settembre-4

Quando piove l’asfalto sembra un lungo nastro di raso nero.

via-xx-settembre-5

Pochi metri ed ecco un’altra bicicletta.

via-xx-settembre-6

E poi.
Piazza De Ferrari, poca gente e la fontana senz’acqua.
E poi, quando smette di piovere, c’è sempre qualcuno che si siede sul muretto, è ovvio.

piazza-de-ferrari-1

Quando piove l’Eroe dei due mondi rimane ritto in sella al suo destriero e nulla lo smuove, siano tuoni, fulmini o saette.
E le affascinanti modelle ritratte da Newton non perdono un grammo della loro allure e ondeggiano sinuose su tacchi stratosferici.

piazza-de-ferrari-2

Quando piove la luce sa essere un gioco imprevedibile.

piazza-de-ferrari-3

Quando piove ci sono quelli che si mettono a correre per trovare un riparo.
Poi arrivano sotto i portici del Carlo Felice e rallentano il passo.

piazza-de-ferrari-4

Quando piove si tengono le finestre chiuse e le luci accese.

via-xxv-aprile-2

E quando piove circola comunque il trenino che porta i turisti in giro per la città.
E va piano piano, in Via XX Aprile.
E dietro c’è l’autobus e dietro ancora c’è una macchina.
E ha appena smesso di piovere.

via-xxv-aprile-1

Quando piove  e tutto è in bianco e nero Strada Nuova sfavilla comunque con i suoi scenografici bagliori.

via-garibaldi

E insomma, ha la sua bellezza anche la pioggia, a volte.
E in certi casi, invece, diventa tutto un po’ complicato, anche se sei sotto i portici.
E intanto piove.
E tu hai la borsa a tracolla, un sacchetto al braccio, l’ombrello.
E intanto cerchi di scattare una foto, la luce non è delle migliori e la messa a fuoco non è perfetta.
O forse sì?
Evanescenza, di passi, di fretta, di gente che cammina.
Quando piove.

via-xx-settembre-7

Read Full Post »

Vi porto ancora nella città vecchia, sui passi di un genovese che alla sua epoca ebbe uno sfolgorante successo.
Ludovico Lavagnino nasce nel 1821, sono anni complicati e turbolenti ma lui in qualche modo è destinato a lasciare il suo segno.
Cresce tra buone letture e con autentico amore per i libri, sua madre ha una libreria sotto i portici dell’Accademia Ligustica e da qui inizierà l’avventura del nostro nel mondo dell’editoria, a 28 anni Ludovico rileva la tipografia di Nicolò Dagnino.

Piazza De Ferrari (2)

In linea con i tempi il giovane imprenditore dà voce alla politica dell’epoca, stampa giornali ed almanacchi di ispirazione democratica.
E non solo, pubblica anche guide e orari del treno, quanti mi piacerebbe avere uno di quei testi!
La sua impresa coinvolge la moglie e il figlio, Lavagnino ha entusiasmo e spirito d’iniziativa, la chiave del suo successo è nell’interesse costante per l’innovazione, sono per lui fonte di ispirazione le belle edizioni illustrate dei Fratelli Treves.
E come dargli torto?
Io possiedo un volume del romanzo L’Ammazzatoio di Emile Zola edito da Treves e le illustrazioni sono un vero valore aggiunto.

zola

Gli affari vanno bene così il nostro Lavagnino acquista due appartamenti al numero 1 di Vico Vegetti.

vico-vegetti-4

In quei locali dal 1871 avrà la sua sede il glorioso Stabilimento Tipografico di Ludovico Lavagnino, rotative nuove di zecca permettono di sveltire le pubblicazioni.
E sono celebri i giornali da lui pubblicati, basti citare Pensiero ed Azione, Il Caffaro e il Dovere.
Ed è lui a dare vita a Il Mondo Illustrato, un settimanale diretto da Luigi Arnaldo Vassallo.
Ed è ancora lui a pubblicare L’Epoca nel quale le notizie sono arricchite da belle illustrazioni, uno stile vincente che verrà adottato anche dalla celebre Domenica Del Corriere.
Lungimirante e intuitivo Lavagnino ha le doti dell’editore di successo: sceglie i macchinari migliori e si avvale dell’uso del telegrafo, ha sempre un occhio di riguardo per le novità e per la valorizzazione delle immagini, è anche un abile uomo di marketing e fa ottima pubblicità ai suoi giornali.
Tuttavia la sua carriera conoscerà anche delle ombre, Lavagnino dovrà affrontare la pesante accusa di frode fiscale e sul finire dell’Ottocento il suo astro perderà il suo fulgore.

vico-vegetti-3

A farmi conoscere questa vicenda è stata la Professoressa Marina Milan, docente di Giornalismo Internazionale e di Storia del Giornalismo presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Genova, colgo l’occasione per ringraziarla in quanto è un vero piacere averla tra i lettori di questo blog.
Tutte le notizie che avete letto in questo articolo sono tratte da un suo saggio dal titolo “Carte d’archivio e giornali. Fonti inedite per la storia del giornalismo” pubblicato in Le Eredità della Liguria. Viaggio nell’Ottocento attraverso i documenti fiscali – Catalogo della Mostra organizzata dall’Agenzia delle Entrate di Genova (Palazzo San Giorgio – autunno 2004), Genova, 2004, pp. 81-90.
Ovviamente il testo della Professoressa Milan è molto più approfondito e tocca anche altri argomenti, io ho soltanto raccolto alcune notizie per presentarvi questa figura di un altro tempo.
E dovete ancora conoscere la chicca di tutta la vicenda, cari lettori, non è mica finita!
Torniamo là, in Vico Vegetti.

vico-vegetti-2

L’edificio che ospitava la Tipografia ha una bellezza speciale per me.

vico-vegetti-1
Amo questo caruggio e le sue suggestioni, questo palazzo poi ha un piccola corte nella quale c’è un’edicola, per l’occasione ho trovato anche una bicicletta in questo luogo dal fascino antico.

vico-vegetti-5

E insomma, dovete sapere che all’epoca delle glorie di Lavagnino non tutti erano così felici del suo produttivo successo, diciamolo.
Eh questi genovesi, sempre a mugugnare!
Infatti in Vico Vegetti serpeggiava lo scontento, gli abitanti erano piuttosto inviperiti!

Possibile che non si possa più neanche stare in pace in casa propria? Son cose da non credere, eccoli lì i benefici del progresso!
Ah beh, ma non è mica finita qua, vedremo!

Insomma, immaginatevi una serie infinita di assortite lamentazioni all’indirizzo di Lavagnino, quelli della zona mugugnavano per l’intollerabile frastuono che proveniva dallo stabilimento tipografico.
Le due rotative lavoravano di continuo, senza mai fermarsi.
Santo cielo, che rumore, che insopportabile fracasso!

Ma insomma, la gente deve pur dormire, no?

E così via, per lunghissimo tempo, poi alla fine quelli di Vico Vegetti in nome della pubblica quiete trascinarono il Lavagnino in tribunale, ecco lì!
E lui come l’avrà presa?
Beh, non posso che riportare qui la sagace osservazione della Professoressa Marina Milan alla quale non manca certo un fine senso dell’ umorismo.
E infatti lei sostiene che il Lavagnino non avrà fatto una piega e forse, rivolgendosi ai suoi accusatori, avrà anticipato la celebre battuta di Humphrey Bogart scandendo queste parole:
– È la stampa, bellezza!
Già, la stampa e la gloriosa impresa di Ludovico Lavagnino in Vico Vegetti.

vico-vegetti-6

Read Full Post »

In questo periodo il Palazzo della Regione è temporaneamente coperto da un telo per certi lavori, è una bellezza nascosta.
E cambia così lo scenario.
Eppure ogni situazione può avere le sue suggestioni: vederle dipende solo da te.
Geometrie di Genova: cavi, ombre, linee, vasi di fiori, acqua che scroscia.
La ragazza con i capelli lunghi e gli occhiali da sole, seduto sul muretto un giovane uomo che tiene i gomiti posati sulle ginocchia.
E poi.
Improvvisa, una tonalità di viola.

Piazza De Ferrari (2)

E ancora cielo azzurro, abiti leggeri, luce che rischiara la fontana di vividi bagliori.
E quasi sembra già estate.
Un giro per la città, guardando la Superba dal finestrino.
Rosso lacca, vivace e sfrontato.
E come sempre quel che puoi vedere dipende solo da te.

Piazza De Ferrari

Read Full Post »

Quella piazza intitolata a Raffaele De Ferrari un tempo fu attraversata anche da un celebre genovese, il suo nome è divenuto poi immortale grazie al suo geniale talento.
Ed accadde proprio là il fatterello che vede protagonista il nostro Niccolò Paganini, un giorno egli si trova a passare nel cuore della Superba.

De Ferrari (4)

E come si può immaginare la piazza centrale di Genova è gremita di gente, davanti a un caffè c’è un vecchio lacero e malconcio.
Costui cerca di mettere insieme il pranzo con la cena, si potrebbe dire, ha un violino mal ridotto e con quello tenta un’improbabile esibizione con la vana speranza che le sue note inteneriscano i passanti e che questi gettino qualche soldo nel suo cappello.
Purtroppo l’improvvisato violinista è privo di estro, non sa proprio suonare!
Ed è inevitabile, la folla lo deride, lo sbeffeggia, è una pubblica umiliazione.
E tuttavia, come vi dicevo, tra gli astanti c’è anche il geniale violinista, all’epoca già celebre: Paganini si avvicina al povero vecchio, prende tra le sue mani il suo misero strumento e inizia a suonare.

Niccolò Paganini

Niccolò Paganini – Opera esposta all’Istituto Mazziniano Museo del Risorgimento 

Le sue note suadenti pervadono la piazza, si insinuano anche nei cuori più duri e commuovono gli spiriti degli indifferenti.
Ed è un’ovazione, un trionfale successo, uno scroscio di applausi si leva per celebrare la singolare e inattesa performance.
Paganini rende al povero il suo violino e con il cappello del mendicante passa tra la gente a raccogliere le offerte questa volta generose, tintinnano le monete, cadono ad una ad una e faranno la gioia di un misero vecchio bisognoso.
La folla applaude entusiasta e Paganini si allontana accompagnato da un tripudio di sincera ammirazione.
Ho trovato questa curiosa vicenda in certi vecchi libri e riviste, poi il solito Eugenio se ne è uscito fuori con un’altra fantastica storiella, state un po’ a sentire!
Accadde tempo dopo, alla stazione ferroviaria di una località del ponente ligure dove giunge un altro celebre musicista, anch’egli è violinista e compositore ed è stato allievo di Paganini: il suo nome è Camillo Sivori e ne viene da un concerto che ha ammaliato un folto pubblico, Sivori si è esibito con l’accompagnamento del maestro Firpo.
Sulla via del ritorno i due si recano alla stazione per prendere il treno.
C’è un gruppetto di curiosi è là, sul binario, c’è anche un vecchio che tenta di suonare il suo violino di poco valore, accanto a lui c’è una tenera bimbetta, la speranza è di racimolare qualche soldo.
E allora Sivori che fa?
Prende tra le mani quel malandato strumento e comincia a suonare e da quel violino si spande nell’aria una musica meravigliosa. nel frattempo il maestro Firpo va tra la gente con il cappello del mendicante tra le mani e in breve tempo al suo interno cadono le monete, alcune sono persino d’oro.
Scrosciano gli applausi ma non c’è tempo, arriva il treno e Sivori e il maestro Firpo si affrettano e continuano il loro viaggio.
E viene da chiedersi se Sivori abbia voluto emulare il gesto del suo celebre e amato maestro, chi lo sa!
Ho voluto raccontarvi questi brevi aneddoti in quanto per me racchiudono una straordinaria bellezza.
E in sottofondo dolce si ode una musica, è il suono melodioso di un violino.

Carlo Felice (6)

Read Full Post »

Accadde sul finire dell’Ottocento, in un elegante appartamento del centro cittadino.
In quella casa abita il Cavaliere Nicola Currò con la sua famiglia, in quel momento con lui c’è il figlio Niccolò, un giovane avvocato: gente che conta, gente stimata e conosciuta.
Insieme a loro c’è un ospite, si tratta di un amico di nome Vittorio, è invitato a cena e sarà lui a riferire il fattaccio.
Accadde sul finire dell’Ottocento, in un edificio prestigioso collocato a fianco di Palazzo Ducale, lo vedete nell’immagine sottostante, al piano terra si distinguono le tende chiare tirate in fuori.

Piazza De Ferrari

Lì, nei tempi a seguire, avrà sede Il Secolo XIX, uno dei più celebri quotidiani genovesi, sulle sue pagine e su quelle di altri giornali avrà ampio spazio la vicenda del Barone Currò.

Piazza De Ferrari (2)

Dopo la cena, svoltasi in tutta tranquillità, i due Currò restano a chiacchierare con il loro ospite, nel frattempo il domestico, un certo Michele, è intento a sparecchiare la tavola.
D’un tratto, per una banale quisquilia, Michele risponde sgarbatamente al barone, il suo tono è arrogante e aggressivo, si mette in mezzo il giovane Niccolò e il domestico ha nei suoi riguardi gesti provocatori, pare che voglia mettergli le mani addosso.
Forse da tempo Michele covava un incomprensibile odio cieco del quale nessuno si era mai accorto.
Giunge una cameriera, affabile e ansiosa tenta di sedare la lite, Michele però ha gli occhi infuocati di rabbia, si allontana e corre veloce verso la sua stanza.
– State attenti! – esclama la cameriera.
Lei sa che Michele ha un’arma, lei teme che lui non esiterebbe ad usarla e così avvisa i suoi padroni.
Sono momenti concitatissimi, nella bella dimora di De Ferrari.

Piazza De Ferrari (3)

L’amico di Currò, Vittorio, corre verso la stanza del domestico e con tutta la forza che ha in corpo afferra la maniglia e la tiene stretta per evitare che il domestico possa aprire la porta.
Non basta, d’un tratto l’uscio si spalanca.
Michele, con l’arma in pugno, si precipita nel corridoio e corre verso Nicola Currò, prende la mira, spara e lo colpisce a morte.
E poi ancora, nell’impeto del suo odio, va in cerca del giovane Niccolò e quando lo trova fa fuoco anche contro di lui, Niccolò cade a terra privo di vita.
Le guardie non tardano ad arrivare, la giustizia sarà implacabile, l’assassino dovrà scontare una dura condanna e terminerà i suoi giorni in prigione.
Quello che le cronache non raccontano non è inciso neppure sul marmo.
Resta una vedova affranta, resta una donna alla quale sono stati strappati il marito e il figlio ed è lei a volere che in memoria dei suoi cari sia scolpito un monumento di rara bellezza.

Tomba Currò (3)

A tal scopo commissiona a un celebre scultore una pregevole opera ed è il talento di Demetrio Paernio a lasciare ai posteri il monumento funebre che ancora potete ammirare nella quiete silenziosa di Staglieno.

Tomba Currò (2)

Quello che lo cronache non raccontano non è inciso neppure sul marmo, su quella tomba non troverete traccia della tragedia che colpì questa famiglia.

Tomba Currò

E naturalmente è stato Eugenio a raccontarmi questa vicenda, un bel giorno mi ha detto:
– Non conosci la storia di questo delitto? Cerca le notizie, vedrai che le troverai.
E così è stato, ringrazio Eugenio anche per le immagini antiche che appartengono alla sua bella collezione, di questo angelo vi parlerò ancora perché ci sono ulteriori dettagli che meritano un approfondimento.

Tomba Currò (4)

Tiene le mani giunte, raccolto in una mistica preghiera.

Tomba Currò (5)
Il suo sguardo è rivolto a Cristo in croce, a Lui chiede pace e misericordia per l’anima di questi defunti.

Tomba Currò (7)

Creatura aggraziata e celeste, veglia sul sonno eterno della famiglia Currò.

Tomba Currò (6)

Read Full Post »

Older Posts »