Novembre

E poi novembre all’improvviso.
Arriva quasi inatteso, posando i suoi passi su un soffice tappeto di foglie dorate, lo ha lasciato per lui chi lo ha preceduto.

Anche l’autunno fiorisce davanti alle finestre di Genova, tra le sfumature calde di questa stagione.

Un soffio, una foglia tremula sospinta dal caso.

Novembre troverà scalette, tetti spioventi, comignoli e terrazzini vestiti di foglie.

E rami che si protendono generosi contro il cielo azzurro.

E muraglioni che indossano le tinte dell’autunno.

Vaga, incerta e perduta in un vicolo, una piccola foglia rossa avventurosa.

E un’altra si inebria sotto i raggi del sole che filtrano tra gli alberi, splendente di giallo vivace rimane in attesa di te, novembre.

Foglie leggere, compagne di viaggio, insieme compongono una sinfonia d’autunno.

E una rimane, solitaria e arresa, là sul verde della panchina.
In attesa di te, novembre.

Annunci

Marzo 1906, Buffalo Bill a Genova

Lo aspettavano in tanti, qui a Genova.
Il suo vero nome era William Frederick Cody, noto a tutti come Buffalo Bill, figura leggendaria che ci riporta alle epopee del vecchio West.
E lui, Buffalo Bill, si rese anche protagonista di uno stupefacente spettacolo, per la prima volta accadde nel 1883 in America, ad Omaha, negli anni successivi Buffalo Bill e il suo seguito toccarono diverse città europee.
Era il mese di Marzo del 1906 quando Cody e la sua compagnia giunsero a Genova, oggi posso narrarvi questo evento in maniera particolare in quanto tra le mie mani è arrivato il pieghevole che pubblicizzava l’evento, non vi descrivo la mia felicità!
Apparteneva a Francesco Dufour, adesso è di sua nipote Raffaella che me lo ha prestato, non finirò mai di ringraziarla!

Buffalo Bill

E allora andiamo a quei giorni di primavera del 1906.
La compagnia viaggia con i suoi treni speciali composti da 50 vagoni, trasporta 500 cavalli, 50 cavalli selvaggi e ben 800 uomini, tra loro ci cosacchi, messicani, indiani e cowboys per uno spettacolo senza pari, unico al mondo!
Equivale a una vita intera di viaggi, così si legge sulla brochure.

Buffalo Bill (7)

E immaginate lo stupore dei genovesi, se leggete le cronache del tempo e i racconti dell’epoca saprete che alla stazione c’era un folla di curiosi ad attendere questa strana compagnia.
Gli indiani a Genova! E chi li aveva mai visti!
Provate a pensare a questo evento come se voi stessi foste uomini e donne del 1906, si può ben capire lo stupito entusiasmo degli spettatori.
La zona dove si terrà questa originale esibizione è quella della Spianata del Bisagno, in quell’area in seguito sorgerà Piazza della Vittoria.

Spianata del Bisagno

Cartolina appartenente alla Collezione di Stefano Finauri

Buffalo Bill’s Wild West, tre giorni nel selvaggio West, dal 14 al 16 marzo 1906.

Buffalo Bill (5)

I visitatori potranno visitare gli accampamenti, ogni gruppo di cavalieri ha il proprio ed è ricostruito esattamente secondo l’uso dei luoghi d’origine.

Buffalo Bill (13)

Una rappresentazione da non perdere!

Buffalo Bill (6)

Con le tende indiane a due passi da Brignole, incredibile solo a pensarci.

Buffalo Bill (10)

Ops, chissà se all’epoca si sono accorti di aver sbagliato a scrivere lo pseudonimo del protagonista dello spettacolo, sulla brochure si legge “Bufallo Bill”, magari il Colonello non ha mai saputo che avevano storpiato il suo nome di battaglia altrimenti non credo che l’avrebbe presa tanto bene!

Buffalo Bill (8)

Audacia, coraggio e sprezzo del pericolo, ci sono domatori di cavalli selvaggi e indiani che cavalcano senza sella e senza briglie.

Buffalo Bill (4)

E non dimentichiamo le figlie del Wild West, fanciulle cresciute in zone di frontiera abili a cavalcare e a usare il lazo, si legge sulla brochure che una volta a cavallo eseguiscono quadriglie, si slanciano nel valzer e si dedicano a danze le più complicate.

Buffalo Bill (12)

I Cosacchi faranno mostra della loro incredibile abilità in certi arditi equilibrismi in sella ai loro cavalli.
Si esibiscono i lancieri anglo irlandesi e i veterani della cavalleria americana, gli spettatori potranno anche assistere all’attacco di un convoglio eseguito dagli indiani.
Pionieri e indiani d’America, si legge sulla brochure, sono gli stessi che presero parte a uno scontro realmente accaduto.

Buffalo Bill (9)

Tutto questo avvenne a Genova, nel lontano 1906, davanti agli occhi stupefatti dei genovesi.
Si narra che i tre giorni furono un successo e registrarono un prevedibile tutto esaurito, scrive Michelangelo Dolcino che i genovesi le studiarono tutte per assistere alle imprese di indiani e cowboys, nugoli di spettatori occuparono i terrazzini che si affacciavano sulla Spianata del Bisagno e quanta gente c’era affacciata alla finestre!

Buffalo Bill (11)
Dopo tre giorni la compagnia partì da Genova, l’evento imponente e raro lasciò il segno e immagino che sia rimasto nella memoria di molti miei concittadini.
Per quanto mi riguarda ci tengo ad aggiungere un mio personale pensiero, ovunque egli sia mando un saluto a Buffalo Bill e vorrei dirgli che su una cosa non ho alcun dubbio: io sto con gli indiani. Buffalo Bill (3)

Cartolina appartenente alla Collezione di Stefano Finauri