Un pomeriggio con Frate Ezio

Di recente sono tornata a trovare un amico, lui è una vecchia conoscenza dei lettori di questo blog ed è una presenza molto gradita su queste pagine.
E così condivido con voi il racconto del mio pomeriggio, la settimana scorsa sono passata in Piazza Sant’Anna all’Antica Farmacia Sant’Anna dei Frati Carmelitani e qui appunto trovate il mio caro amico Frate Ezio.

Profumi di maggio e di primavera nel roseto dei frati e un’accoglienza sempre speciale.

Tra i fiori al sommo del loro fulgore, passeggiare tra queste meraviglie è sempre un dono.

Farmacia Sant'Anna (2)

Nel tempo chiaro di primavera.

Farmacia Sant'Anna (3)

E in questo roseto da qualche tempo tra i petali e i boccioli si staglia la figura candida di Maria.

Farmacia Sant'Anna (3a)

Sono capitata per caso e con perfetto tempismo sono arrivata nel giorno giusto, era mercoledì e in un angolo della Farmacia, accanto al bancone, ho trovato molte delizie in bella mostra su un tavolino.

Farmacia Sant'Anna (4)

Che sorpresa, io non sapevo nulla di questa iniziativa, quindi è ancor più piacevole raccontarla a voi!
Cari amici, segnatevi questo nuovo appuntamento, il mercoledì pomeriggio presso la Farmacia Sant’Anna c’è il così detto mercoledì degli assaggi e potrete gustare i prodotti della Farmacia e se saranno di vostro gusto potrete chiaramente fare acquisti.
Ad accogliervi sarà proprio Frate Ezio e con lui ci sarà Silvia Piacentini, architetto e grafico che si occupa anche di diverse iniziative della farmacia, eccoli insieme in questa fotografia.

Farmacia Sant'Anna (5)

Dunque, potrete assaggiare ottime marmellate, ci sono anche quelle prodotte dalle Suore Carmelitane di Sanremo e questo per me è un dolce ricordo d’infanzia.

Farmacia Sant'Anna (6)

E troverete gli sciroppi ai profumi di frutti e di erbe speciali.

Farmacia Sant'Anna (7)

Autentiche bontà e abbinamenti particolari, certi sapori vi sorprenderanno.

Farmacia Sant'Anna (8)

E tutto attorno a voi la bellezza e la magia del roseto dei frati.

Farmacia Sant'Anna (9)

Le degustazioni si tengono ogni mercoledì dalle 16.00 alle 19.00 e quindi questa è una bella occasione per scoprire una splendida bottega storica e le sue delizie.

Farmacia Sant'Anna (10)

E per ammirare le rose delicate che sbocciano grazie alle cure amorevoli dei frati.

Farmacia Sant'Anna (11)

Fiori che incorniciano la bella immagine della Madonna.

Farmacia Sant'Anna (12)

In un angolo incantevole di Genova, in un luogo generoso di molta bellezza.

Farmacia Sant'Anna (13)

Annunci

L’Antica Farmacia San’Anna nel 1922: i predecessori di Frate Ezio

In diverse circostanze ho avuto occasione di scrivere della Farmacia dei Frati Carmelitani Scalzi di Piazza Sant’Anna, il mio primo articolo risale al 2012, poi ne sono venuti molti altri.
C’è sempre una buona ragione per tornare a trovare Frate Ezio, magari nel tempo in cui profumano gli agrumi.

Agrumi (2)

Oppure quando sbocciano le rose.

Rose (22)

E poi insomma, è sempre una gioia rivedere il mio amico Frate Ezio e scoprire gli affascinanti segreti della Farmacia Sant’Anna, la storia di questo negozio iniziò nel 1650 e ancora continua con successo.
Come ho già avuto modo di ricordarvi questa è la più antica bottega di Genova che non ha mai cambiato proprietario.

farmacia-santanna-1

E oggi, cari amici, torneremo insieme in questo luogo così speciale di Genova e lo faremo in un modo particolare.

Farmacia Sant'Anna (3)

Qui, seguendo antiche e preziose ricette, nascono i preparati e i rimedi per le più svariate necessità come ad esempio la pozione di salsapariglia, depurativa e detossificante del sangue e antinfiammatoria.

farmacia-santanna-2

E certo, dai petali delle rose nasce uno sciroppo delizioso!

farmacia-santanna-3

Tic, tac, tic, tac.
Si accende la macchina del tempo e si va indietro negli anni, all’inizio del secolo scorso.
Come si giunge alla bella farmacia dove si trova ogni rimedio per i propri malanni?
Se si viene dal centro si consiglia di servirsi dell’ascensore di Sant’Anna, mentre coloro che già sono in Circonvallazione a Monte potranno fare una gradevole passeggiata fino alla Farmacia.
Si scende, percorrendo Corso Firenze.

Corso Firenze 5

Cartolina appartenente alla Collezione di Eugenio Terzo

E poi ancora, si imbocca Corso Paganini.
Ecco le signore con gli abiti scuri e i cappelli scenografici, tutte si dirigono verso la salita che conduce alla piazzetta.

corso-paganini

Cartolina appartenente alla Collezione di Eugenio Terzo

Ah, che fatica, con quei vestiti, con l’ombrellino da passeggio e tutto il resto!
Piano piano si arriverà a destinazione.

salita-superiore-di-santanna

E una volta giunti in Piazza Sant’Anna si andrà a far compere, in cerca di ciò che occorre per il proprio benessere, siamo agli inizi del ‘900 e l’offerta è ampia e varia.
Oh sì, cari lettori, io ne ho la certezza perché nella mia guida Pagano del 1922 ho felicemente trovato una splendida inserzione pubblicitaria che decanta i prodotti della Farmacia, c’è anche un riferimento alla Funicolare della quale si può servirsi per andare dai frati.
E sono nominati lo sciroppo di salsapariglia e quello di rose, come avete potuto vedere dalle mie foto in questa farmacia ancora si usano questi ingredienti.
E poi rosolio, zucchero rosato e diversi altri preparati, ci sono anche le pillole di un certo Fra Bernardino e naturalmente è citato il Dottor Le Roy, all’ingresso della Farmacia c’è un busto marmoreo che ritrae questo celebre medico.

farmacia-santanna

E insomma, la pubblicità è l’anima del commercio, no?
E così i predecessori di Frate Ezio nel glorioso 1922 ricorrevano alle inserzioni pubblicitarie sulla Guida della città di Genova e in questo modo facevano conoscere i loro particolari preparati.
Oggi le cose sono cambiate, la Farmacia ha un sito del quale vi potete servire per le vostre ordinazioni, come sapete vi si trovano anche prodotti cosmetici, saponi e acque profumate.
Non so come fossero quei religiosi del 1922, a me i frati sono sempre simpatici, alcuni in modo particolare.
Ai nostri giorni all’Antica Farmacia Sant’Anna trovate lui, il mio amico Frate Ezio, insieme ai suoi confratelli conserva i segreti del passato con uno sguardo verso il futuro, nello splendido cammino della più antica bottega di Genova che non ha mai cambiato proprietario.

farmacia-santanna-4

Le rose di maggio di Frate Ezio

Maggio, tempo di rose, tempo di ritornare in un luogo dove la regina dei fiori trionfa in tutto il suo splendore.
Nel roseto dei Frati Carmelitani in Piazza di Sant’Anna maggio è odoroso e prodigo di bellezza.

Rose (2)

Di bianco e di rosso, in una giornata tersa.

Rose (3)

E questa meraviglia diviene incantevole scenario, sullo sfondo il convento dei frati dove trovate anche la celebre farmacia nota per le sue preparazioni basate su antiche ricette.

Rose (4)

La primavera è un’esplosione di colori e cielo blu intenso.

Rose (5)

E nel tempo delle rose nell’aria si spandono dolcissimi profumi.

Rose (6)

E naturalmente qui troverete il mio amico Frate Ezio.
Preciso che non si tratta di un frate motociclista, il casco appartiene a me: una momentanea distrazione ed io ho prontamente colto l’attimo per scattare questa foto.

Frate Ezio

Rose che si coprono l’una con l’altra, rami carichi di boccioli e di piccole foglioline lisce.

Rose (7)

Aperte al sole, gialle come il sole.

Rose (8)

Rose di seta e di velluto, dai petali intinti nei colori dell’universo.

Rose (9)

Chiare, candide ed eteree.

Rose (9a)

Ognuna è portatrice di una diversa bellezza.

Rose (10)

E non ero la sola a fotografarle, anche Frate Ezio si dava da fare.

Frate Ezio (2)

Ogni rosa che sboccia rappresenta la vita che eternamente rinasce.

Rose (11)

Gli abitanti di queste case che si affacciano sul roseto sono fortunati, in questo periodo possono godere di uno spettacolo incomparabile.

Rose (12)

Sul verde prato c’era una scaletta appoggiata ad un albero di agrumi.

Agrumi

Questi rami generosi sono carichi di frutti succosi.

Agrumi (2)

E poi ho pensato di sedermi per terra per scattare qualche foto da un’altra prospettiva.
Ehi, cosa vedo tra l’erba?
Rosse e dolci fragoline, meraviglia vera!

Fragola

E tutto attorno un continuo cianciare di passeri e merli mentre le api passavano di fiore in fiore.

Rose (13)

Sì, c’era un certo andirivieni sulle rose dei frati!

Rose (15)

E non saprei dirvi se esista una rosa più bella dell’altra, ognuna di esse è un dono inestimabile.

Rose (16)

Rosso vivido, colore della passione.

Rose (17)

Ancora bianco, il candore della purezza.

Rose (18)

Rose sfacciate e impertinenti, si schiudono sotto i raggi del sole.

Rose (19)

Semplici perfezioni del creato.

Rose (20)

Questo è il tempo del loro fulgore, se lo desiderate anche voi potrete passeggiare in questa lussureggiante primavera che si trova in Piazza Sant’Anna e se già non lo conoscete potrebbe essere un’ottima occasione per incontrare Frate Ezio, avrete un nuovo amico sincero e prezioso.

Frate Ezio (3)

Saluto così il tempo delle rose dal profumo delicato.

Rose (21)

Sotto il cielo limpido di Genova, nel roseto dei Frati Carmelitani di Sant’Anna.

Rose (22)

Rosso

Anche da una certa distanza non avresti potuto non notarlo.
E c’era una ragazza che giocava con il suo cane, c’era una signora che lenta percorreva Salita Bachernia.
A terra un tappeto di petali rosa caduti da un albero, una farfalla pigra su un cespuglio, un uccellino instancabile che passava da un ramo all’altro.
E la sensazione bella di quiete, in questa piazzetta raccolta e intima.
E c’era un lenzuolo azzurro aggrovigliato dal vento, come se si potesse imbrigliare il cielo e trattenere quel senso di pacifica serenità.
E poi la luce e la linea d’ombra perfetta che attraversava un lato del palazzo in una geometria irripetibile.
La creuza, il silenzio, la chiesa.
E un filo da stendere.
E davvero, anche da una certa distanza non avresti potuto non notarlo, ha reso l’atmosfera ancor più incantevole.
Il filo da stendere e le magliette rosse.

Piazza Sant'Anna

Piazza Sant’Anna

Da Via Piaggio a Salita Bachernia, il tempo del glicine

Questo è il suo tempo, è la stagione dell’odoroso glicine che sboccia e fiorisce lungo le strade di Circonvallazione a Monte.
Si veste di sole il grande glicine che adorna un giardino di Via Piaggio mentre il ciliegio giapponese si protende verso l’azzurro.

Via Piaggio

Questo è un antico albero, il suo profumo ha deliziato generazioni di genovesi.

Via Piaggio (5)

Via Piaggio (3)

Ha veduto vite e storie, sovrasta anche noi che camminiamo sotto ai suoi rami.

Via Piaggio (4)

Più oltre, salendo in Via Domenico Chiodo, il glicine diviene cornice di un panorama marino.

Via Domenico Chiodo (1)

Generoso e prodigo, così è certa bellezza che ci viene semplicemente donata.

Via Domenico Chiodo (2)

E ancora, altrove i suoi dolci fiori si mescolano al verde delle foglie e al rosa dell’albero di Giuda.

Via Domenico Chiodo (3)

A breve distanza si può imboccare Salita Bachernia, il tratto superiore di questa lunga creuza vi condurrà ancora più in alto, verso le mura.

Salita Bachernia (2)

Questo è il tempo della bellezza che si svela in ogni luogo.

Salita Bachernia (3)

Il glicine che fiorisce sulla mattonata ricopre il muraglione e tra le case, in lontananza, vedi la Lanterna.

Salita Bachernia (4)

Scendi, gradino dopo gradino, ti accompagnerà un fresco profumo sublime.

Salita Bachernia (5)

E poi, voltati indietro, verso l’albero maestoso che si staglia contro l’azzurro.

Salita Bachernia (6)

Salita Bachernia è lunga e tortuosa, si snoda tra le case e come spesso accade a Genova ha le sue faticose pendenze.

Salita Bachernia (7)

E se non l’hai mai percorsa non sai cosa potrebbe celarsi dietro a certe curve, sono così le creuze, a loro modo sorprendenti.

Salita Bachernia (8)

Il sole le attraversa e la luce rimbalza sulle pietre.

Salita Bachernia (9)

Il muraglione, le case, le imposte chiuse.

Salita Bachernia (12)

E un percorso sinuoso che si perde nell’ombra.

Salita Bachernia (10)

Laggiù tetti, campanili, ardesie e il confine del mare.

Salita Bachernia (11)

Salita Bachernia termina nella suggestiva Piazza Sant’Anna e in questa stagione qui vi accolgono altri colori.

Piazza Sant'Anna

Questo è il tempo degli profumi deliziosi e dei petali che cadono sui gradini.

Salita Bachernia (13)

Fiori gentili fluttuano nell’aria e poi si posano a terra.

Piazza Sant'Anna (2)

Tra rosa e turchese, in questi giorni di primavera.

Piazza Sant'Anna (3)

Nel tempo del glicine che accarezza le creuze.

Via Domenico Chiodo (4)

L’Antica Farmacia Sant’Anna tra le botteghe storiche di Genova

Prima di partire delle vacanze sono passata a trovare un caro amico, voi abituali lettori ormai già lo conoscete, lui i è Frate Ezio e potrete incontrarlo  anche voi se andrete all’Antica Farmacia Sant’Anna dei Frati Carmelitani Scalzi.

Farmacia Sant'Anna

E’ sempre piacevole tornare da Frate Ezio, questa volta c’è una ragione precisa, infatti di recente l’Antica Farmacia Sant’Anna è stata inserita tra le Botteghe Storiche della città.
I requisiti per ottenere questo riconoscimento sono diversi e la bella Farmacia di Circonvallazione a Monte li soddisfa tutti.
In primo luogo, per poter ambire al titolo di bottega storica, occorre che l’attività in questione abbia almeno 70 anni.
I frati preparano le loro medicine dal lontano 1650, già in quei secoli lontani c’era la spezieria dei frati!

Farmacia Sant'Anna (2)

Di fontamentale importanza è il contesto urbanistico originario e lo lo stesso vale per  gli elementi architettonici originali, sia esterni che esterni, devono essere presenti in una certa percentuale.
E ad esempio si tiene conto degli arredi, dei pavimenti e dei banconi, delle vetrine e delle scaffalature, di tutto ciò che si trova nel locale.
E questa è la Farmacia ai giorni nostri, in quel convento che risale appunto al ‘600.

Farmacia Sant'Anna (3)

Qui invece la vedete in un’antica immagine esposta in uno dei corridoi, come si può notare la Farmacia non è tanto mutata.

Farmacia Sant'Anna (4)

Inoltre occorre che siano presenti anche certi antichi strumenti di lavoro e alla Farmacia Sant’Anna certo non mancano, sono persino esposti nelle vetrinette.
Sul sito della Farmacia si legge questa bellissima frase: è la più antica bottega di Genova che non ha mai cambiato proprietario.
Ed ecco qui il mio amico Frate Ezio.

Farmacia Sant'Anna (5)

E poi, a confermare la vetustà di una bottega occorre produrre testi e documenti antichi che citino l’attività in questione, si cercano anche eventuali tracce di particolari avventori, ad esempio illustri personaggi storici.
E sono diversi i testi nei quali troverete i Frati di Sant’Anna, aprite certi antichi libri e l’arte erboristica dei frati vi verrà svelata.

Farmacia Sant'Anna (6)

Ad esempio, la Farmacia dei Frati è citata ampiamente nel testo del Dottor Luigi Le Roy, inventore della medicina curativa.

Farmacia Sant'Anna (7)

Ecco alcune righe che appunto si riferiscono all’opera dei Frati di Sant’Anna.

Farmacia Sant'Anna (8)

E qui, all’ingresso della Farmacia, è esposto un busto di questo celebre medico, questo signore dall’aria compunta è il Dottor Le Roy.

Farmacia Sant'Anna (9)

Come sapete, qui trovate sciroppi e rimedi erboristici di ogni genere.

Farmacia Sant'Anna (10)

Accanto a un’antica bilancia un sacchetto con polvere di cocciniglia, devo chiedere a Frate Ezio a cosa serve, proprio non lo so!

Farmacia Sant'Anna (11)

Ogni volta che vado alla Farmacia dei Frati mi perdo a guardare le vetrine e i vasi con quelle antiche etichette.

Farmacia Sant'Anna (12)

Bilancini, alambicchi, attrezzi di un altro tempo, i pezzi in esposizione cambiano ed è sempre interessante scoprirne di nuovi.

Farmacia Sant'Anna (13)

E poi ci sono i coloratissimi vasi da farmacia.

Farmacia Sant'Anna (14)

E qui ancora una bilancia, su un foglio ingiallito dal tempo una mano ignota ha vergato con inchiostro scuro un elenco di ingredienti per preparare chissà quali rimedi e medicamenti.

Farmacia Sant'Anna (15)

In questa Farmacia si trovano anche marmellate, sciroppi e prodotti per l’igiene e la cosmesi.
E poi qui si producono anche certi liquori, sapete?
Nel corso della mia visita Frate Ezio mi ha fatto vedere alcune particolari bottiglie, una sorta di piccolo tesoro che ha estratto da una bella cassapanca di legno.
Ecco le preziose bottiglie, Elixir di China e Liquore Saraceno Digestivo, due liquori che non vengono più prodotti dalla Farmacia in quanto per la loro preparazione è necessario un invecchiamento decennale.

Farmacia Sant'Anna (16)

In compenso ci sono altre diverse bontà come il Nocino, ovviamente a base di noci, l’Amaro Sant’Anna, un liquore che si ottiene da un mix di diverse ingredienti, tra gli altri contiene la salvia officinale, il sambuco, l’arancio amaro e persino gocce di mirra.
E poi, qui dai Frati Carmelitani,  troverete il Limoncino del Cardinale e l’Elisir del Priore, lo vedete nell’immagine sottostante, è un digestivo a base di liquirizia.

Farmacia Sant'Anna (17)

E  non può mancare il Grappino del Frate, la grappa è ingentilita da dolcissimo miele.

Farmacia Sant'Anna (18)

Tutto questo è disponibile nella bella farmacia che si affaccia su Piazza Sant’Anna, per altre informazioni vi rimando al sito tramite il quale è possibile fare i vostri acquisti, lo trovate qui.

Farmacia Sant'Anna (20)

C’è sempre una buona ragione per andare a trovare Frate Ezio, per ascoltare i suoi consigli e per poter camminare nella pace del convento ed è sempre una gioia  incontrare il sorriso aperto dei frati, sono persone davvero speciali.

Farmacia Sant'Anna (19)

Oggi quell’affascinante arte erboristica dei Frati Carmelitani Scalzi ho ottenuto il meritato riconoscimento e così la Superba annovera una nuova bottega storica.
E’ la più antica bottega di Genova che non ha mai cambiato proprietario.

Farmacia Sant'Anna (21)

Frate Ezio e i misteri di un’antica biblioteca

Oggi vi mostro una meraviglia che mai avrei pensato di vedere, un luogo che ha tutto il fascino di un mondo antico con i suoi misteriosi segreti.
E’ accaduto poco tempo fa, ricorderete che sono tornata alla Farmacia Sant’Anna a trovare il mio amico Frate Ezio.
Un monastero nel cuore della città e una farmacia  dove i frati si dedicano all’arte dei rimedi naturali tramandata nei secoli dai confratelli che li hanno preceduti.
Un monastero che racchiude un tesoro, una biblioteca con volumi preziosi e rari.
E allora seguiamo Frate Ezio, lui mi ha orgogliosamente mostrato questo gioiello forse poco conosciuto.

Biblioteca  (12)

Pare davvero di trovarsi tra le pagine di un romanzo di grande successo, Il nome della rosa!
C’è un’atmosfera particolare ed ammaliante che riporta a secoli distanti.
Non tocco nulla, osservo.
E sono erbari, testi sacri, volumi che raccolgono una lontana sapienza.
Non tocco nulla, mi travolge lo stupore.

Biblioteca  (2)

Attorno a un tavolo ci sono delle comode poltroncine, ci si siede qui per consultare questi libri.

Biblioteca  (3)

Certo, non si può dire che siano dei tascabili!
Oh, ma Frate Ezio maneggia questi pesanti volumi con una certa disinvoltura, eccolo qua intento nella lettura.

Frate Ezio (2)

L’ordine dei Carmelitani Scalzi fu fondato da Santa Teresa D’Avila e da San Giovanni della Croce, nella biblioteca si conserva una  lettera autografa della Santa.

Biblioteca  (4)

Sul muro vi è lo stemma dell’ordine con la scritta Zelo zelatus sum pro Domino Deo exercituum ovvero  Ardo di zelo per il Signore Dio degli Eserciti.

Biblioteca  (5)

E anche a terra si trova l’effige dello stemma nel quale si distingue l’immagine del Monte Carmelo.

Biblioteca  (6)

Non crederete che le sorprese siano terminate!
Che cosa si trova in tutte le antiche biblioteche?
Osservate con attenzione l’immagine sottostante, non notate nulla?

Biblioteca  (7)

Uno sportello segreto che cela altri volumi!
Alzi la mano chi non vorrebbe avere una biblioteca come questa!

Biblioteca  (8)

I libri hanno una vita, un profumo e un’anima.
Ed è una vera emozione trovarsi tra testi tanto vetusti, a sfogliarli si ha quasi il timore di danneggiarli.
Alla scoperta di un’antica biblioteca, con Frate Ezio che mi svela ciò che per me è recondito e sconosciuto.
D’un tratto mi mostra una sezione nella quale le ante presentano una sorta di grata.
Che stranezza! Ma che mai sarà?
Cari lettori, un tempo quegli scaffali erano utilizzati per il libri all’indice: i libri che davano scandalo, tacciati di eresia o comunque considerati contrari ai dettami della dottrina.
Qualche esempio?
Erasmo da Rotterdam e Guglielmo di Occam, Giovanni Boccaccio e il suo Decameron, Niccolò Macchiavelli e Ludovico Ariosto.
Insomma, i più grandi nomi della filosofia e della letteratura.

Biblioteca  (9)

E ancora un nuovo mistero cattura la mia attenzione.
Un’antica cassaforte che un tempo veniva utilizzata per conservare al sicuro gli oggetti preziosi.

Biblioteca  (10)

E l’immaginazione vola.
Vedo un anziano frate che si aggira per il convento, tiene in mano una candela per rischiarare il buio della notte, i suoi passi rimbombano per il corridoio.
Apre la porta che emette un cigolio sinistro, il frate ha con sé le quattro chiavi della cassaforte.

Biblioteca

E’ questo è il mistero bello delle cose antiche, ti permette di vedere ciò che forse accadde, ti porta a tempi e a giorni che non hai vissuto.

Biblioteca  (11)

La nostra visita termina qui, sappiate che vi ho condotto con me in una sezione del Convento dei Frati Carmelitani non così facilmente accessibile.
E ringrazio con il cuore il mio caro amico Frate Ezio per avermi mostrato gli affascinanti misteri di questa antica biblioteca.

Biblioteca

I segreti di Frate Ezio e della Farmacia Sant’Anna

E oggi vi racconto i meravigliosi segreti di Frate Ezio.
Lui è un frate dell’Ordine dei Carmelitani Scalzi, è un farmacista che conosce i misteri delle piante, delle erbe e di certi rimedi naturali.
Sant’Anna, a lei sono dedicate una piazza ed una farmacia, di quest’ultima vi ho già parlato in questo articolo e qui trovate il post relativo alla piazza, un suggestivo angolo della mia Genova.
E oggi vi porto ancora con me, nella pace silente di questo luogo.

Chiostro - Convento dei Frati Carmelitani Scalzi

E oltre questa porta, nella splendida Farmacia dove potrete trovare particolari prodotti fitoterapici preparati nel laboratorio dei Frati Carmelitani.

Farmacia Sant'Anna

Un luogo dal fascino antico, vi perderete ad ammirare le vetrine e gli oggetti che vi sono esposti.

Farmacia Sant'Anna (2)

E qui troverete il mio amico Frate Ezio, eccolo dietro al bancone di marmo sul quale fanno bella mostra tre piccoli mortai.

Frate Ezio

Ma cosa conterranno?
Sono i doni della terra, non siamo più abituati a conoscerli in questa maniera eppure li portiamo ogni giorno nelle nostre case e sulle nostre tavole.
E’ di vetro trasparente il contenitore ricolmo di caffé.

Farmacia Sant'Anna  (2)

Il caffé che ogni mattina ci risveglia dal nostro torpore e ci regala le energie necessarie per affrontare la giornata.

Farmacia Sant'Anna (3)

E se lo aprite è così che vi apparirà.

Farmacia Sant'Anna

Eccolo di nuovo, accanto ad un’altra delizia che tutti voi conoscete bene.
Cosa mai ci sarà dentro al mortaio di marmo?
Sembrerebbero mandorle, vero?

Farmacia Sant'Anna (5)

Signori, questa è la sublime dolcezza del cacao.
E se aprite questi semi e assaggiate il loro contenuto sentirete il sapore del cioccolato fondente, un’esperienza veramente unica, ve lo assicuro.

Farmacia Sant'Anna (6)

E questo è il tamarindo dalle molteplici proprietà medicinali e molto usato per gli sciroppi.

Farmacia Sant'Anna (4)

Nell’immagine sottostante potete vedere la polpa contenuta nel frutto del tamarindo.
I doni della terra sono misteriosi e affascinanti, la semplice ricchezza della natura si dischiude allo sguardo e si svela.

Farmacia Sant'Anna (8)

I segreti di Frate Ezio sono i segreti di questa Farmacia, antiche ricette e rimedi naturali giunti a noi da un lontano passato.
Nasce una spontanea curiosità di scoprire ogni prodotto e di conoscerne l’utilizzo, si resta con il naso appiccicato alle vetrine come i bambini!

Farmacia Sant'Anna (7)

E poi si scopre una strana pozione di salsapariglia.
Frate Ezio mi ha ricordato che i Puffi sono golosi consumatori di questa pianta, pensate!
E’ depurativa, detossificante del sangue ed antinfiammatoria, indicata per diverse patologie cutanee.

Pozione di Salsapariglia

Ed è verde come i prati di primavera la confezione dell’Acqua di Melissa che viene preparata secondo un’antica ricetta dei Padri Carmelitani risalente al 1710.
E’ sedativa, antispasmodica, elimina e previene le nausee.

Acqua di Melissa

Il mistero e la bellezza di un’antica arte sono racchiusi tra queste mura.

Farmacia Sant'Anna (9)

Se ancora non conoscete questa Farmacia vi invito a scoprirla, se siete lontani potete utilizzare il sito, lo trovate qui.
Amici genovesi, andate a trovare i Frati Carmelitani della Farmacia Sant’Anna, troverete un mondo meraviglioso in un ambiente caldo ed accogliente.
E troverete i Frati.
I Frati sono persone speciali, hanno la gioia negli occhi, Frate Paolo e Frate Ezio ne sono un esempio.

Frate Paolo e Frate Ezio

E qui ci sono anche tante cose buone come gli sciroppi di menta e di lampone per placare la vostra sete.

Sciroppi di Lampone e Menta

E poi il miele e le caramelle, le marmellate e le tisane, le spezie e i liquori, i prodotti per la bellezza e la cura della persona.
E un ottimo sciroppo di fragole, che delizia!

Sciroppo di Fragole

E poi c’è il chiostro e  a maggio fioriscono le rose.
E c’è il convento dove abitano i Frati.
Ci sono luoghi magnifici che il mio amico Frate Ezio mi ha mostrato e presto vi porterò a scoprirli, sarà come fare un viaggio nel tempo, nella quiete e nella pace di Sant’Anna.
E’ giunto il momento di andare.
Lasciamo i Frati tra gli alambicchi e le bilance, tra i mortai e le erbe.
Lasciamo Frate Ezio ai suoi segreti e alle sue letture nel silenzio di un’antica biblioteca.

Frate Ezio (2)

Le stagioni di Piazza Sant’Anna

Oggi vi porto in una Piazza, per me una delle più belle di Genova.
Una piazza dove si avvicendano i colori delle stagioni e dove l’autunno trova la sua cornice perfetta.
E’ Piazza Sant’Anna, in Circonvallazione a Monte.
Verrete qui, e prima di salire per la creuza, vi accoglieranno certe foglie rosse e gentili.

E sono foglie che vibrano al vento, quando soffia sui corsi.

E sale la creuza.

O se preferite potete prendere la scala, in questa città sempre  in salita.

E poi arriverete qui, in cima a quei gradini.

Ciottoli e mattoni, ci sono diverse ragioni per salire fin quassù, sapete?

Giungerete qui,  in Piazza Sant’Anna, dove le stagioni hanno diversi colori,  verdi e luminosi nel mese di maggio.

Giallo, ocra, arancio e rosso in autunno.

E così sono i colori delle case. Caldi, accoglienti e solari.

Sì, ci sono diversi motivi per cui dovreste venire qui, in questa piazza silenziosa e inondata di luce.
Trovate qui l’Antica Farmacia dei Frati Carmelitani Scalzi e quando le stagioni saranno passate, in primavera, potrete sentire profumo di rose, passeggiare tra i boccioli e tra petali dalle tinte tenui.

Una rosa di giallo e di luce, di seta e di sole.
E magari vi volterete indietro, verso il cammino che avete percorso, verso queste finestre che si affacciano su queste tinte d’ottobre.

O forse verso un arco teso sull’azzurro, come spesso sono certe nostre speranze.

O verso un viale, che gode dell’ombra degli alberi, del rumore delle foglie e del silenzio.

Un viale, una chiesetta.
E un giorno vi porterò ancora qui, nella sua pace.

Ma scorrono le stagioni, in Piazza Sant’Anna.

E le giornate si accorciano, è tempo d’autunno, sui rami, tra le foglie, contro le facciate color albicocca, contro le case di Genova.

E’ tempo d’autunno, in Piazza Sant’Anna.
Stagione generosa e fruttifera, profumata di castagne, di uva, di mele, di fichi.
D’arancio come le zucche, di oro come il sole che si tuffa nel mare.
E’ tempo d’autunno, sui rami degli alberi.

Tempo di melograni che si spaccano al sole.

Tempo di chicchi vermigli.

Tempo di foglie che ingialliscono, in ottobre, in Piazza Sant’Anna.

Antica Farmacia Sant’Anna, l’arte di curare con le erbe

In Circonvallazione a Monte c’è un’oasi di pace che forse non tutti conoscono.
E se verrete qui in autunno, in quella stagione di colori caldi ed intensi, sul muro che costeggia la creuza che sale verso piazza Sant’Anna, una cascata di foglie rosse vi preannuncerà ciò che vi aspetta.

E sale la mattonata.
E passa attraverso le case, e questa è la luce della primavera, verso sera.

E poi si arriva in una piazzetta, che tornerò a mostrarvi.
Una piazzetta di case dalle facciate rosse, in un angolo c’è un albero di cachi, che in ottobre è prodigo dei suoi frutti, c’è una chiesetta che si trova in cima ad una scalinata, ci sono alberi fioriti e finestre sulle quali batte la luce del sole.
Ed un cancello, al di là del quale vi condurrò.

Mi raccomando, non venite al sabato, altrimenti troverete chiuso!
La Farmacia Sant’Anna è aperta dal lunedì al venerdì e ve lo assicuro vale davvero la pena vedere cosa si cela dietro quel portone.

Un atrio, una scala e una statua della Madonna.

Una porta.

E al di là di essa, l’Antica Farmacia Sant’Anna dei Frati Carmelitani Scalzi, la sola Farmacia in Italia interamente gestita da religiosi.
Questo convento fu fondato nel 1584, la specializzazione di questi frati come farmacisti risale invece agli inizi del ‘700, è da allora che i Frati Carmelitani curano i genovesi con le loro ricette.
Ed è qui che potete trovarli, in Sant’Anna.

I frati.
I frati sono persone speciali, tante volte l’ho scritto su queste pagine, ve ne ricorderete.
I frati hanno quelle belle facce nelle quali leggi la pienezza della felicità, hanno quei sorrisi che gli altri, quasi tutti gli altri, non hanno mai.
I frati hanno gli occhi che ridono, sempre.
I frati ti accolgono, sempre.
E qui, dietro il bancone della Farmacia Sant’Anna, c’è Frate Ezio che sfodera per voi uno di quei sorrisi impareggiabili.

Ed ecco cosa c’è alle sue spalle.
Semplicemente meraviglioso, vero?

Lassù, in alto, si legge il motto della farmacia.
Nos medicinam paramus Deus dat nobis salutem.
Noi prepariamo le medicine, Dio dà a noi la salute.

Ma quali saranno le cure che offrono i frati?
Oh, i loro prodotti sono il frutto di un’arte antica, che si basa sui principi della fitoterapia.
E sono rimedi che servono per curare i più svariati mali, dalle sciatalgie ai reumatismi, dai dolori articolari all’ipertensione.
Sono prodotti a base di erbe, pozioni ed unguenti formulati su antiche ricette.
Li conservano qui, in questi mobili, come ci mostra ancora il caro Frate Ezio.

E davvero c’è ogni genere di specialità, miele e altri prodotti dell’alveare, caramelle e sciroppi,  dentifrici, saponi e acque di colonia.

C’è una linea di bellezza, al profumo di rosa.

E lassù, sopra i mobili i vasi con le erbe essicate, ci sono odorose foglie di eucalipto.

Ed ogni tipo di tisana.

E verrebbe voglia di aprire ogni barattolo per sentire il profumo!

E lassù ci sono anche gli attrezzi del mestiere.

E ci sono i vasetti da farmacia dai mille colori.

Oltre le antine di legno, poi, ci sono i libri con antiche ricette.

E gli oggetti antichi!

E gli alambicchi, le bottiglie e i vasetti!
Ma avete mai visto qualcosa del genere?

E poi sapete, i Carmelitani Scalzi preparano anche degli ottimi liquori.
Così, se verrete a trovarli, potrete portarvi a casa l’Amaro Sant’Anna o l’Elisir del Priore.

O magari una bella bottiglia di Nocino.

Oppure il Limoncino del Cardinale!

E allora cosa state aspettando?
Se siete di Zena è facile trovare l’Antica Farmacia Sant’Anna, in una di queste belle giornate di primavera prendete il 36 e scendete in Corso Magenta, poi salite verso la piazzetta, è uno degli angoli più belli e pacificanti della nostra città.
incontrerete Frate Ezio e lui vi spiegherà, con reale competenza, le proprietà e le caratteristiche dei vari prodotti.
Se invece siete lontani e desiderate ordinare i preparati speciali e rari prodotti dai Carmelitani Scalzi potete utilizzare il sito della farmacia, cliccando qui trovate il  link.
Se lo farete, aiuterete voi stessi ed anche la comunità dei Frati, che qui vive ed opera.
Io tornerò, tornerò molto presto ed anche voi verrete come me.
Frate Ezio mi ha invitata, a maggio ci sarà la fioritura del roseto e volete che io mi lasci sfuggire questa occasione?
Per adesso le piantine attendono di sbocciare, sotto i raggi del sole.

Fioriranno presto i boccioli, sotto il cielo blu, tra le antiche mura dell’Antica Farmacia Sant’Anna.