Galletti, porcini e incontri a sorpresa

I fungaioli veri si alzano di buon mattino per essere nel bosco molto presto.
E poi ci sono quelli come me, noi semplicemente ci dilettiamo a camminare tra gli alberi, senza inerpicarsi chissà dove, andiamo per funghi in qualche boschetto vicino e facilmente raggiungibile.
E spesso solo per il piacere di vedere i funghi nel bosco, io mi fermo a guardare anche quelli che non sono da raccogliere.
E poi mi distraggo, guardo gli uccelli, ascolto i rumori, i suoni del bosco.
E certo, quando trovo i funghi, sono felicissima!
Quest’anno sul mio cammino mi sono imbattuta nel principe dei galletti, era veramente grande!

Galletti

E poi che bellezza vedere quel bel giallo spiccare tra le foglie e i rami caduti.
Quanti sono? Ci mettiamo lì con calma a raccoglierli, i galletti mi piacciono moltissimo.

Galletti (2)

Ed è ovvio, quando si parla di funghi tutti noi pensiamo ai preziosi e profumati boleti e se mi capita di trovarli l’ultimo dei miei pensieri è tirare fuori la digitale, finisco persino per dimenticarmi di fotografarli, è esattamente quel che mi è successo con i primi che ho trovato quest’anno.
I porcini vanno subito messi in salvo, per carità!
Solo che non è mica la stessa cosa fotografarli nel cestino oppure in bella mostra su un piatto, i porcini vanno immortalati nel bosco.
E allora tiro un profondo sospiro e trattengo l’istinto di metterci le mani sopra e per qualche istante li lascio ancora tra l’erba verde e umida, tra le foglie degli alberi cadute al suolo.

Porcini
I più belli a vedersi sono quelli piccoli e panciuti, perfetti per essere gustati crudi con un pizzico di sale, un filo d’olio, qualche goccia di limone e scaglie di parmigiano.
Le splendide sfumature del bosco in un porcino giovane e sodo.

Porcini (2)

Ed ero così intenta ad ammirarlo che quasi mi sfuggiva il suo fratello maggiore che si trovava poco più in là, che meraviglia!

 Porcini (3)
Come vi dicevo, io nel bosco mi distraggo facilmente.
Un rapido movimento, un fruscio leggero, chi mai sarà?
Mi avvicino piano, a dirvi il vero credevo che si trattasse di una rana.
E invece osservando con attenzione, oh, che sorpresa! Un topino di campagna!
Da quanto non ne vedevo uno!

Topino

Ecco, è rimasto un po’ lì ma questi sono personaggi che hanno sempre un gran da fare e non hanno tempo da perdere con i villeggianti di città, mi pare logico!
E quindi in un battibaleno si è dileguato tra l’erba e tanti saluti.
E così è terminato il mio pomeriggio di ieri, con un graditissimo incontro a sorpresa.

Topino (2)