A casa di Cesare Gamba

Ero certa che ne avrei scritto ancora, la personalità di Cesare Gamba mi affascina molto e così ho cercato di reperire altre notizie su di lui in una maniera forse insolita, a me sembrava la strada migliore da percorrere.
Ho intrapreso così una delle mie ricerche, non è stato affatto semplice ma alla fine sono riuscita a trovare proprio loro: i discendenti di Cesare Gamba.
E così ho potuto chiacchierare piacevolmente al telefono con il Signor Gamba, lui da bambino ebbe occasione di trovarsi in quella dimora di Montesano che svettava alle spalle di Brignole, era la villa appartenuta a suo nonno Cesare, il celebre architetto ed ingegnere che cambiò il volto della Superba.
Lui mi ha raccontato della passione di Cesare Gamba per la musica ed il teatro, l’ingegnere aveva anche una villa a Torre del Lago e in quella località conobbe Giacomo Puccini, i due amici erano soliti andarsene a caccia insieme.
Frequentava il bel mondo il nostro Cesare Gamba, ogni nuovo particolare aggiunge ulteriore fascino alla sua figura.

cesare-gamba

Immagine tratta da Genova Nuova – Volume di mia proprietà

Come sapete, di recente ho dedicato un articolo a quella sua villa genovese che ai nostri tempi non esiste più e certo non sapevo che avrei avuto occasione di vedere ancora altre immagini.
E poi, qualche giorno fa, la bella sorpresa: sulla mia mail sono arrivate alcune fotografie e a farmele avere è stato proprio lui, il nipote di Cesare Gamba.
Sono scatti che provengono da un album di famiglia, sono immagini rare e per me molto emozionanti.
E allora vi porto con me, a casa di Cesare Gamba.
Svetta in primo piano la maestosa Porta Pila in tutta la sua grandiosa bellezza.

villa-gamba-1

E poi un tornante, una salita prima di arrivare lassù.
E le finestre ampie e i portici che si affacciano sulla prospettiva di una città che cresce.
E muterà ancora, con il tempo, mi sono chiesta cosa ne direbbe Cesare Gamba di certi recenti cambiamenti della sua Genova.
Sapete, io sono una che immagina le cose che non può sapere, altrimenti a cosa serve la fantasia?

villa-gamba-2

E ci avviciniamo alla favolosa dimora, sulla foto che segue è necessaria una precisazione.
Come vi ho detto il nipote di Cesare Gamba vide la villa da bambino, ovviamente non rammenta tutti i dettagli e di questo atrio non ha un ricordo preciso.
La foto, tuttavia, era insieme a molte altre relative all’edificio di Montesano e la conformazione del portico e il profilo delle colonne fanno pensare che si tratti proprio di quella splendida villa.

villa-gamba-3

E poi.
Una porta si apre.
Il tempo torna indietro, il passato diviene presente.
Tappeti e poltrone, un orologio in bella mostra sul caminetto, la specchiera, le lampade e i ritratti appesi al muro.
E lo studio, lo studio dell’ingegner Cesare Gamba.
E sapete?
Vorrei entrare in punta di piedi in quelle stanze, aprire le ante di quelle librerie e sfogliare i preziosi volumi appartenuti all’ingegner Gamba.
E mi piacerebbe sedermi lì, insieme a lui, a farmi raccontare le storie di quella Genova che io non ho veduto e che lui ha saputo cambiare.
Nella sua casa, nella sua villa di Montesano.

villa-gamba-4

E d’altra parte anche a questo serve la fantasia, ad immaginare i giorni che non hai vissuto, a volte è più semplice, a volte sembra quasi vero.
Ieri diventa oggi.
E tu sei lì, proprio su quella soglia.
E senti una musica diversa, è il suono di un’altra epoca.
A volte sì, è così.
E all’improvviso ti trovi a casa di Cesare Gamba.
Cinque fotografie, cinque grandi emozioni, grazie di cuore a chi mi ha fatto questo graditissimo dono.

villa-gamba-5

Le vicende di Porta Pila

Sorgeva lungo le fronti basse delle fortificazioni ed è una delle porte monumentali della città: Porta Pila ha origini molto antiche, è opera di Bartolomeo Bianco e venne costruita nella prima metà del Seicento, sulla sua sommità si trova una statua della Madonna opera di Domenico Scorticone.
La Regina della Città a presidio della porta di accesso, sopra le mura edificate in difesa della Superba.

porta-pila-1

Sul finire dell’Ottocento il destino della porta divenne oggetto di complesse e controverse discussioni e per comprendere cosa accadde si dovrebbe tentare di cogliere lo spirito dell’epoca.
La città sta cambiando, è il tempo delle innovazioni e degli ampliamenti, è il tempo di grandi rivoluzioni urbanistiche e delle nuove edificazioni.
Andiamo a quel 1892, al periodo che precede la grande Esposizione Italo-Americana organizzata per i 400 anni della scoperta dell’America: sulla Spianata del Bisagno, corrispondente alla zona compresa tra Piazza Verdi e Piazza della Vittoria, si terranno importanti manifestazioni che attireranno un folto pubblico.
In quell’epoca si inizia a costruire Via XX Settembre che sorgerà sul tracciato di strade destinate a scomparire: Via Giulia, Via della Consolazione e Via di Porta Pila.
Si guarda avanti, verso il futuro.
Vengono abbattute quelle fortificazioni note come fronti basse, parte di esse si trovava proprio davanti all’inizio dell’antica Via di Porta Pila, in quel tratto che oggi corrisponde all’incrocio tra Via Fiume e Via XX Settembre.
Osservate questa fotografia e prestate attenzione al palazzo che si vede sulla destra.

via-xx-settembre

Lo ritroviamo in questa bella immagine appartenente ad Eugenio Terzo e in primo piano, davanti all’edificio, svetta la maestosa Porta Pila.

porta-pila-2

Ebbero così inizio vivaci discussioni, le due fazioni erano molto agguerrite, un interessante resoconto di quelle vicende fu scritto da Mario Bettinotti e si trova nel volume “Ma Se ghe penso…” pubblicazione di Realizzazioni Grafiche Artigiana risalente al 1972.
Da una parte c’erano i sostenitori della modernità e del cambiamento, tra essi l’ingegner Cesare Gamba, architetto ed ingegnere che progettò Via XX Settembre.
Come lui molti pensavano che la porta dovesse sparire da lì, tanti la trovavano anacronistica, soprattutto in vista della grandiosa Esposizione Italo-Americana, la porta era per loro un inutile ed ingombrante ammasso di pietre.
Luigi Arnaldo Vassallo, giornalista del Secolo XIX a tutti noto come Gandolin, disse la sua e scrisse queste poche taglienti parole: faccia ridere o faccia rodere quello è un rudere da radere.
Erano di diversa opinione altri rappresentanti del mondo della cultura, come ad esempio lo scultore Rota: costoro sottolineavano la valenza storica e artistica della porta, non meno importante era l’aspetto religioso e il fatto che essa fosse custodita dalla Madonna Regina di Genova.
Con buona pace di tutti, per l’Esposizione Italo-Americana la porta rimase al suo posto ma l’esacerbato dibattito continuò.

porta-pila-3

Tra coloro che levarono la propria voce in difesa di Porta Pila chiedendo di lasciarla nella sua originaria collocazione anche Giuseppe Migone, ho avuto la fortuna di trovare un suo libretto pubblicato nel 1895 su una bancarella, sulla copertina egli stesso si definisce avvocato che non esercita.
In queste pagine egli esprime autentico affetto per questa costruzione, simbolo dell’indomito coraggio dei genovesi nella difesa della loro città, l’autore si addentra anche nella descrizione degli eventi storici che la riguardano.

porta-pila-4

Dedica quindi diverse righe ad una questione che concerne le origini della porta.
Infatti diversi studiosi ritengono che Porta Pila provenga da Porto Maurizio, località alla quale era da principio destinata.
Citando vari studi Migone accredita invece una diversa versione: la porta in pietra di Finale condotta a Genova da Porto Maurizio non fu collocata a Porta Pila, quelle pietre andarono a rivestire la Porta Romana che si trovava all’ingresso di San Vincenzo, di questa porta non resta più traccia in quanto venne del tutto demolita.
A sostenere questa tesi anche altri illustri personalità come Francesco Podestà e Alfredo D’Andrade.
Questa circostanza, scrive Migone, dovrebbe ancor più far riflettere sul valore di Porta Pila in quanto le sue decorazioni sono state create apposta per lei e non provengono da un altro sito, inoltre egli non manca di sottolineare che malgrado ciò nulla esclude che sia opera di Bartolomeo Bianco.
Ed ecco l’immagine che c’è sul mio libretto, sotto di essa si legge: Porta Pila come si propone venga ridotta per conciliare le esigenze della viabilità e dell’estetica col dovere di conservare in loco un monumento che ha per Genova importanza storica artistica e religiosa ad un tempo.

porta-pila-5

Pochi anni dopo la Porta venne smontata e ricostruita, destino volle che venisse collocata lungo il bastione di Montesano.
E indovinate un po’ cosa c’era a breve distanza? La villa di Cesare Gamba, uno dei più tenaci avversari della conservazione della porta nella sua originaria collocazione.
In questa immagine di Eugenio Terzo vedete Porta Pila e dietro di essa sulla destra il profilo della villa di Gamba.

porta-pila-6

E ancora, osservate con attenzione questa immagine di Piergiorgio Gagna.
Tra la stazione Brignole e la villa di Gamba si scorge la sommità di Porta Pila.

villa-gamba-2

Sic transit gloria mundi, la dimora dell’ingegnere venne in seguito abbattuta ma la porta sopravvisse alla mano degli uomini.
Passarono altri anni e a metà del ‘900 Porta Pila venne ancora spostata e ricostruita a breve distanza e ancora adesso lì si trova, in Via di Montesano, racchiusa tra palazzi che ne sviliscono la grandiosa bellezza.

porta-pila-7

Da Via Fiume quasi non la si nota, è davvero sovrastata dalla modernità.

porta-pila-8

Si trova in una posizione non degna di lei, non sono solo i turisti a non conoscerla, anche molti genovesi non sanno che quella è una delle porte monumentali della città ora situata in una zona non certo di passaggio.
Meriterebbe cura e attenzione, meriterebbe una nuova collocazione più adatta alla sua magnificenza.

porta-pila-9

E dispiace dire che avrebbe certo bisogno di un’accurata pulizia, anche le lapidi che raccontano i suoi giorni lontani risultano annerite e trascurate.

porta-pila-10

porta-pila-11

Eppure anche questa è una parte importante della storia di Genova.

porta-pila-13

Posuerunt me custodem, mi posero custode, così si legge sotto l’immagine della Madre di Dio.

porta-pila-14

E sul marmo sono incise parole in latino a memoria dell’importanza strategica della porta per la città di Genova, spicca chiara una data: 1633.

porta-pila-15

Una patina scura adombra anche le parole che consacrano Genova a Maria.

porta-pila-16

Porta Pila non merita di cadere nell’oblio, meriterebbe invece una nuova valorizzazione e una nuova vita.
Sono trascorsi i secoli e Porta Pila svetta ancora nel cielo di Genova.

porta-pila-17

E ancora il sole bacia i tratti dolci di Maria, custode della città.

pota-pila-18

Palazzo San Giorgio e la Madonna Regina di Genova

Vi porto ancora a Palazzo San Giorgio.
Vi porto a vedere una statua della Madonna che si trova nello splendido cortile che già conoscete.

Palazzo San Giorgio (7)

Per narrare la storia di quest’opera d’arte bisogna andare a un tempo remoto, al 1630, anno nel quale Papa Urbano VII emanò una bolla con la quale si stabiliva un ordine di precedenza nelle processioni per tutti i rappresentanti di Stati dove vigeva la Monarchia, i reali erano tenuti in grande considerazione.
La Serenissima Repubblica di Genova doveva correre ai ripari: ci voleva una soluzione per sancire la sovranità della Repubblica e l’autorità del Doge.
E così, il 25 Marzo 1637, con una fastosa cerimonia in San Lorenzo il cardinale Giovanni Domenico Spinola, nell’entusiasmo dei numerosi devoti, celebrò l’incoronazione di Maria, fu Lei a divenire Regina della città.
A lei vennero offerti i simboli del potere: la corona, lo scettro e le chiavi della città, l’immagine di Maria da quel momento figurò sulle monete della Repubblica.
Si stabilì che venissero erette due statue: una di esse, scolpita da Domenico Scorticone nel 1647, venne eretta sopra Porta Pila, potete vederla nella cartolina sottostante che è tratta dalla collezione del mio caro amico Eugenio Terzo.

Porta Pila

Cartolina appartenente a Eugenio Terzo tratta dal sito Genova Collezioni

La seconda statua, opera di Bernardo Carlone e risalente alla prima metà del XVII secolo, venne invece posizionata sulla Porta della Lanterna e lì rimase fino al 1877, anno nel quale la porta venne demolita.
I genovesi però vollero salvaguardare la loro Regina, così la statua di Maria venne posta nell’Oratorio di Sant’Antonio.

Madonna Regina di Genova

Trascorsero gli anni, nel 1937 la Regina della città trovò una nuova collocazione: davanti al nostro mare, la Madonna del Porto venne posta sulla punta del Molo Giano ai piedi della Torre dei Piloti.
E a lei si dedicò questa iscrizione:

La Madonna
potente presidio del nostro mare
per oltre due secoli sulla porta della Lanterna
demolita l’anno MDCCCLXXVII
dopo dodici lustri
per concorde volontà di popolo
ebbe qui novello trono
benedizione divina
alle navi ardimentose
che nelle terre più lontane
esaltano
il genio e la fede
di Genova credente operosa

Giunse poi la guerra che inesorabile colpì anche la Superba, in seguito a un bombardamento la nostra Regina andò a finire sul fondo del mare.
Ma la gente di Genova amava la sua Madonna, si attivarono le maestranze e il Consorzio autonomo del Porto, infine nel 1946 la Regina di Genova fu fatta riemergere dalle acque e venne rimessa al suo posto.
In tempi più recenti, nel 1997, si decise di tutelare ulteriormente quest’opera d’arte di così grande valore per questa città e così a Molo Giano fu esposta una copia fedele della statua di Bernardo Carlone.
L’originale giunse qui, a San Giorgio, il Palazzo sede dell’Autorità Portuale della Superba.
E’ assisa e sorride la Regina di Genova, ha la corona sul capo e nella mano destra regge lo scettro.

Madonna Regina di Genova (2)

Ai tempi della costruzione della statua gli antichi genovesi avevano stabilito che Gesù Bambino tenesse in mano le chiavi della città e stringesse a sé una carta sulla quale si leggono queste parole: et rege eos.

Dettaglio

Poco distante le onde si infrangono contro le banchine del Porto.
E’ vicina al mare colei che la Repubblica di Genova volle come sua Regina.
E ai suoi piedi, incise nel marmo, le parole scritte a gloria e lode di Lei che custodisce questa città.

Madonna Regina di Genova (3)