Blu di Genova, alla Stazione Marittima

Genova, verso la fine di maggio.
Se vai là, alla Stazione Marittima, ti passa davanti un mondo.
Viaggiatori in partenza, un diverso orizzonte li attende.
E poi i cultori del fitness, sono quelli che corrono davanti al mare, quando il sole picchia c’è da sfiancarsi solo a guardarli.
Se vai là, alla Stazione Marittima, ti passa davanti un mondo.
E senti il rumore dei tuoi passi, su quelle assi di legno.
Laggiù una nuvola, sovrasta le colline e il profilo della città.

Genova

Sapete, quando incontro dei turisti stranieri li porto sempre a zonzo per i vicoli, di recente mi è capitato di conoscere una coppia di San Francisco sul treno, li ho condotti ai Truogoli di Santa Brigida e poi giù, in quei vicoli che piacciono a me.
E loro si guardavano intorno con l’espressione ammirata e meravigliata che mi piacerebbe sempre vedere anche nello sguardo di certi miei concittadini.
E tu?
Tu magari sei in attesa che abbia inizio la tua crociera, forse sei soltanto di passaggio a Genova.
Tu con lo zainetto sulle spalle, chissà se hai gironzolato nei dintorni.
Se vai là, alla Stazione Marittima, ti passa davanti un mondo.
E se sei saggio ti accomodi su una poltroncina con vista, davanti al blu.

Genova (3)

Vita di porto e navi, rumori e profumo di sale, vedute per viaggiatori solitari e per coloro che invece camminano fianco a fianco e che poi si siedono vicini.
L’istante perfetto.
E blu intenso e acceso, caldo di sole e di luce.
Blu, tra cielo e mare.
Blu di Genova, alla Stazione Marittima.

Genova (2)

Tramonti di Zena e i miei auguri per l’anno che verrà

I miei auguri per l’anno nuovo giungeranno a voi con le immagini dell’anno che ci lascia, a lui rimane ancora una manciata di ore e poi sarà terminato.
Queste pagine sono lette da persone che Genova non l’hanno mai veduta, altri invece come me percorrono le sue strade ogni giorno, altri ancora ci abitavano e ora vivono in altre parti di Italia o del mondo.
E so che alcuni di voi leggono da posti lontani, dagli Stati Uniti e dal Canada, dal Belgio e dall’Olanda, dalla Germania, dalla Svezia e dal Regno Unito.
E immagino che molti di coloro che vivono all’estero siano tornati a Genova per le vacanze e avranno potuto così ammirare la bellezza del suo cielo in queste sere d’inverno.
E questi sono i miei auguri, con i tramonti della Superba dal terrazzo di casa mia in certi giorni di Dicembre, questa è Genova per voi.
Il 21 del mese si è manifestato uno stupore di nuvole sull’orizzonte e il sole le ha inondate di luce per poi abbandonarsi sulla costa.

Tramonto (1)

La sera della Vigilia invece il cielo era plumbeo e virava sui toni del grigio e sul mare si è visto un bagliore che si è poi dissolto in un turbinio di arancio.

Tramonto (2)

Tramonto (3)

Natale è stato generoso e gentile, ci ha donato calde sfumature dorate.

Tramonto (4)

E in quel giorno abbiamo anche salutato Sorella Luna, è apparsa con la sua luce d’argento nel cielo sereno del 25 Dicembre.

Tramonto (5)

Santo Stefano, nuvole basse e leggere.

Tramonto (6)

E poi si sono accese le luci del porto e un chiarore di rosa ha accarezzato il confine del mare.

Tramonto (7)

E ancora, il 28 dicembre ci ha donato riflessi che dal bronzo rapidi si sono velati di sfumature violacee.

Tramonto (8a)

E il giorno successivo Fratello Sole ha messo in scena uno dei suoi spettacoli più ammalianti.
E’ iniziato così, con la forza della sua luce che si specchiava nell’abisso e sfidava la coltre di nubi che tutto sovrastava.

Tramonto (9)

Vivono le cose del cielo e della terra in una maniera misteriosa che noi non sappiamo comprendere, possiamo solo ammirare le nuvole che vaghe si perdono nei giochi del motore dell’universo.

Tramonto (10)

E poi è scesa la sera e ancora è stato grigio e scuro e una striscia di luce d’arancio ha rischiarato l’orizzonte.

Tramonto (11)

Il 30 dicembre è stato un miracolo di nitida tersezza, un regalo di Fratello Vento che spesso visita questa città, questa è anche la sua casa, sfavillava il sole e i suoi caldi raggi hanno accarezzato la nostra Lanterna.

Tramonto (14)

E poi la luce del mondo si è adagiata lenta sul profilo di questa terra e si è dissolta in screziature brillanti, con questo cielo limpido, chiaro e beneaugurante.
E questa è la nostra speranza per l’anno che verrà, auguro a tutti che l’anno nuovo abbia un orizzonte luminoso e splendente.

Tramonto (12)

Genova per voi, per tutti voi che leggete queste mie pagine, ovunque voi siate.
Buon anno cari amici, di cuore, a tutti voi!

Tramonto (13)

Genova, 7 Maggio 2013

Genova, Genova mare, porto, container, Lanterna.
Calate, mare, sale.
Torre di controllo, banchine, traghetti.
Genova e il suo respiro, il suo sentimento, la sua vita.
I moli, i piloti e gli scaricatori, i battellieri e la guardia costiera, Genova.
A Genova tutti conoscono qualcuno che lavora in porto, Genova che vive sul suo mare e del suo mare.
Genova è il suo porto, il suo porto è la sua anima.

Genova illividita.
Inverno nelle dita.
Genova mercantile,
industriale, civile.

Genova tutta colore.
Bandiera. Rimorchiatore.
Genova viva e diletta,
salino, orto, spalletta.

Genova mio pettorale.
Mio falsetto. Crinale.
Genova illuminata,
notturna, umida, alzata.

Genova di mia sorella.
Sospiro. Maris Stella.

(Versi tratti da Litania di Giorgio Caproni)

Genova

A sinistra la Torre dei Piloti del Molo Giano