Viganego, il presepe nel bosco

Viganego, un piccolo paese alle spalle di Bargagli, immerso nel silenzio dei boschi che circondano Genova.
E racchiusa nell’abbraccio dei monti si trova la chiesa di San Siro.
Una chiesa senza campanile, ahimé!
Gli alberi, le pietre, la terra e un uomo che amava questi luoghi, il leccese Cosimo Tondo, detto Mino, ligure per scelta.
Sua l’idea di costruire un presepe nel bosco, tra i muschi e le piante, la rappresentazione della Natività in un angolo di Liguria davvero suggestivo, con un nobile fine, raccogliere fondi per costruire l’agognato campanile.
E fu così che nel 2000 Cosimo Tondo iniziò la sua opera, costruendo queste casette che sono alte circa 70 cm,  anno dopo anno il presepe divenne sempre più ampio e ricco di particolari.

Viganego 1

Ora Mino non c’è più, ma tra gli alberi di Viganego c’è il suo presepe e altri volontari che si occupano di tenere viva questa tradizione.
Vi porto con me, nel bosco di Liguria, in una giornata dall’aria frizzantina.
Vi porto tra le foglie brune, vi porto qui, dove è nato Gesù.
Tra le case in pietra, questo è un panorama a noi  noto, questo è un paese della nostra Liguria.

Viganego 2

L’acqua che scroscia tra le rocce e una piccola teleferica, a voi non visibile, che le attraversa.

Viganego 3

Liguria, terra di gozzi,  di mare e di salsedine, di borghi baciati dal sole.

Viganego 4

Liguria, terra di pescatori, di reti  e di ceste.

Viganego 5

E di legnaie ben fornite, per affrontare i rigori dell’inverno.

Viganego 6

Liguria, di creuze e di salite, che fatica percorrerle con certi pesi!

Viganego 7

Un presepe nel bosco, con le casette e i loro tetti grigi, questa è l’ardesia di Liguria.
Questi sono i nostri paesi e la nostra gente.

Viganego 10

Liguria contadina, con le mucche e il fieno per nutrirle.

Viganego 9A

Le case arroccate, il panorama che è nostro, per noi questa è casa.

Viganego 11

E ognuno è davanti al proprio uscio ed intento nei propri doveri.

Viganego 12

Qui ci sono uomini che lavorano alacramente, ognuno fa la sua parte.

Viganego 13

C’è chi si affanna tra corde e secchi.

Viganego 8

E ci sono le botteghe, troverete un ferraio che si affatica sull’incudine.

Viganego 14

E un frantoio, con gli orci e tutto ciò che occorre per fare dell’ottimo olio.

Viganego 16

E poco distante si vendono stoffe di tutti i colori!

Viganego 15

E la frutta in abbondanza!

Viganego 26

E un mulino ad acqua che lavora incessantemente.

Viganego 17

Verrete qui e avrete il desiderio di guardare dentro le casette, tra panni stesi e masserizie.

Viganego 19

Alle finestre, dietro le quali ferve la vita.

Viganego 22

Un’anziana signora, la sua credenza con i piatti in bella vista.

Viganego 20

E certe stanze con i letti rifatti.

Viganego 24

Il balcone della locanda e due uomini che parlano tra di loro.

Viganego 21

E poi andrete lassù, al castello, dove abita chi ha molti denari e potere.

Viganego 27

E troverete una tavola imbandita con ricchi arredi e tende preziose alle finestre, coppe dorate e candelieri.

Viganego 28

La vita ferve, nel piccolo paese.

Viganego 31

Le donne si avvicendano alla fontana.

Viganego 30

Il pane si cuoce davanti alla porta di casa.

Viganego 23

Un presepe di Liguria, costruito con le pietre e con la legna di questi boschi, in un’atmosfera che non ha eguali.
Verrete qui e troverete la gente del posto, che vi accoglierà con un sorriso.
E voglio ringraziare la Signora Germana e il Signor Gianluigi Patrone, lui è uno dei volontari che si occupa del presepe e mi ha raccontato le meraviglie di questo luogo.
Iniziano a lavorarci al principio dell’autunno.
Ci sono le casette da sistemare,  in estate si raccolgono i legnetti che poi serviranno a costruire i piccoli ponti sospesi e altri angoli del presepe, un lavoro certosino per offrire alla comunità questo spettacolo davvero unico.

Viganego 32

E poi scende la sera.
Piano piano, mentre i Re Magi si avvicinano alla capanna dove è nato il Redentore.

Viganego 29

La luce si affievolisce e tutto si ammanta di mistero, brillano le luci della locanda.

Viganego 34

E nel buio scintillano le finestre accese.

Viganego 36

Scende la sera sulle salite ripide, sulle fatiche di ogni giorno, sul cammino da percorrere per rendere omaggio a Gesù.

Viganego 35

Scende la sera sui gozzi e sui remi.

Viganego 39

Sulla vita che ha accolto la vita.

Viganego 41

Sull’acqua placida e calma, in questo tiepido inverno.

Viganego 37

Sui rami, sulle rocce, sulle case.

Viganego 38

Nel bosco di Viganego, così vicino alla città, ci arrivate in meno di mezz’ora, venite a vederla con i vostri occhi questa meraviglia di pietra e di legno, riempirete il vostro sguardo di bellezza e potrete dare la vostra offerta per la costruzione del campanile.
E scende la sera sui rami, sulle foglie, sul muschi e sui sassi.
E su una capanna illuminata da una luce dorata, dove è nato Gesù, nel bosco di Viganego.

Viganego 40

Viganego si raggiunge imboccando la Statale 45 in direzione Bargagli.
In località la Presa, alla vostra destra troverete un bivio che conduce a Viganego, Terusso e Cisiano.
Occorre salire per circa 5 Km, fino alla Chiesa di San Siro.
Gli orari per visitare il Presepe sono i seguenti:
– fino al 6 Gennaio 2013 tutti i giorni dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 18.30
– dal 7 al 31 Gennaio 2013 nei prefestivi e nei festivi dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 18.30.