Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Spianata Castelletto’

Era uno di quei pomeriggi tiepidi che invogliano ad una lenta pigrizia, mi trovavo in Spianata Castelletto, uno dei luoghi del mio quotidiano.
E c’erano due ragazze che se ne stavano a chiacchierare appoggiate alla ringhiera.
Una delle panchine era occupata da due persone che nulla avevano in comune: un ragazzino con dei lunghi capelli raccolti in una coda e un elegante signore di una certa età immerso nei suoi pensieri.
Poco distante tre amiche erano impegnate in una vivace conversazione, una di loro reggeva una pesante busta della spesa.
Gente di Spianata, a dire il vero li ho anche fotografati da lontano, lo ammetto, eppure mi limito a raccontarveli.
E poi.
E poi tutti noi amiamo indugiare sotto il sole e restare ad ammirare i tetti.
E loro erano in due.

Grigio d’ardesia e di piume, una quieta sosta davanti al panorama di Genova.

E poi.
Loro erano in due.
E non posso dire di aver compreso cosa si stessero dicendo ma li ho visti camminare insieme, attendersi, guardarsi.

In totale confidenza e con una certa armonia d’intenti, ne sono sicura.
A volte non è neppure necessario parlarsi, taluni sanno comunicare in maniera perfetta senza bisogno di parole.

E c’erano i tetti, c’era il cielo chiaro, c’era tutta quella gente, in Spianata Castelletto.
E loro, loro erano in due.

Read Full Post »

Vi porto ancora per le strade del mio quartiere, a guardare i tetti, in questa stagione dolce le prospettive sanno essere incantevoli.
Così era, appena una settimana fa in Corso Firenze: chiarore di cielo azzurro e neve sui monti in lontananza.

E come vi ho già raccontato, in questa città di strade in salita che si inerpicano sinuose, i tetti dei palazzi delle vie sottostanti terminano in corrispondenza delle strade della Circonvallazione e così da Corso Firenze si vedono gli ultimi piani degli edifici di Via Pertinace.
E scalette, piante, terrazzini.

E tende per riposarsi all’ombra.

Rampicanti e quei colori cari a noi genovesi, bianco e rosso della Croce di San Giorgio.

Sventola nel cielo fresco di marzo la bandiera di Genova accanto al simbolo della Superba.

Disegni nell’aria e in lontananza la modernità.

E geometrie, castelli ed edifici ottocenteschi.

Ancora, su Ponte Caffaro.
Ringhiere, vasetti, gradini, bellezza vera sospesa lassù.

E più oltre, sulla sommità dei palazzi che si affacciano sul percorso della funicolare Sant’Anna, altre armonie di un altro tempo.

Tutti gli indizi della primavera, andando verso la spianata.
Un tettuccio, piante rigogliose, muri dai colori caldi.

E ancora foglie rosse, alberi, contrasti di Genova.

Una sdraio per riposarsi al sole, una palma e tantissimi vasi, vasi di coccio che ospitano la vita.

Camminando per le strade del mio quartiere.
Guardando i tetti e le prospettive della Superba.

Read Full Post »

Torno a scrivere del mio quartiere, torno alle cronache della città in salita.
In Circonvallazione a Monte si susseguono i corsi ottocenteschi, ancora adesso conservano lo stile che si volle imprimere al quartiere.
E così io scendo dai miei bricchi e spesso percorro questo tratto di Corso Firenze.

Corso Firenze 1

Cartolina appartenente alla Collezione di Eugenio Terzo

Oltre la ringhiera c’è uno dei soliti saliscendi della mia Genova, al di sotto di essa ecco i palazzi di Via Pertinace.

via-pertinace-1

E una delle scale che collega le due strade, una delle magnifiche vertigini della Superba.

via-pertinace-2

Nella città che si arrampica sulle alture, tra curve a gomito e salite, accade che i tetti di Via Pertinace siano esattamente all’altezza di Corso Firenze e così, percorrendo questa strada, i tetti fanno da scenario all’orizzonte.

Corso Firenze (2)

Tra il resto ieri mattina ho anche veduto la neve che imbianca le montagne.

corso-firenze-1

Nella città in salita c’è una soluzione per ogni difficoltà e gli edifici di questa zona hanno una particolarità: certi palazzi situati nei corsi sottostanti sono dotati di due ingressi, un portone al piano strada e un’uscita dal tetto, tramite l’utilizzo di scale e passerelle.

corso-firenze-2

corso-firenze-3

Noi qui ci siamo abituati ma è evidente che nei luoghi di pianura nessuno esce di casa passando dal tetto: quelli di Genova invece sì.

corso-firenze-4

Un passaggio proteso sull’azzurro.

corso-firenze-4a

Ed io ho da sempre un debole per la ringhiera di questa passerella, la sua armoniosa struttura corrisponde in pieno al mio ideale di bellezza.

corso-firenze-5

E poi ancora, eccoci in Spianata Castelletto, da qui si gode di un’incantevole vista sui tetti di Genova.

Spianata Castelletto

E anche qui salite, discese e passerelle.

spianata-castelletto-1

E poi, come vi ho detto, si va a casa passando per il tetto.

spianata-castelletto-2

Questa particolare passerella l’ho percorsa un’infinità di volte perché in quel palazzo abitavano amici cari della mia famiglia.
Io che soffro di vertigini ricordo che da piccola mi tremavano un po’ le ginocchia!

spianata-castelletto-3

Si sta sospesi, lassù, a destra si scorge l’inconfondibile profilo dell’ascensore di Castelletto.

spianata-castelletto-4

E poi abbaini, ardesie e cielo azzurro.

spianata-castelletto-5

E ancora scale, muretti e gradini percorsi infinite volte.

spianata-castelletto-6

E ancora oltre, imbocchiamo Corso Paganini e ancora troviamo scalini, ringhiere e su e giù, così è Genova.

corso-paganini-1

E fili da stendere, fiori e ancora passerelle.

corso-paganini-2

E tetti, sono i tetti della sottostante Via Caffaro.

corso-paganini-3
In cima alla via due lunghe scalinate conducono fin quassù, si inerpicano sui due lati ed entrambe sboccano su Ponte Caffaro.

corso-paganini-4

Eccola Via Caffaro e la sua prospettiva infinita.

via-caffaro

E a dire il vero dovrei contare tutti quei gradini, non l’ho mai fatto!

corso-paganini-6

Superato il ponte ancora altre passerelle.

corso-paganini-7

E scale, scale, scale.
E foglioline che si arrampicano e colori dell’autunno della Superba.

corso-paganini-8

Un continuo saliscendi, una particolarità di questo quartiere.
Tetti, scale e passerelle di Circonvallazione a Monte.

spianata-castelletto-7

Read Full Post »

Certe finestre torno sempre a cercarle, come fa il sole, il sole invade i vetri, li illumina e li rischiara.
Accade, sulle mie finestre.
Dalle parti di Porta Soprana, ad esempio.
Molteplici specchi riflettono i particolari della Chiesa del Gesù.

via-di-porta-soprana-1

E marmi e cielo azzurro.

via-di-porta-soprana-2

E se qualcuno le aprisse queste finestre?
Ho l’impressione che il cielo colerebbe giù, come acqua, come liquido, come pittura incantata.

via-di-porta-soprana-3

Le finestre che piacciono a me si aprono su caruggi in ombra, a volte.
Si spalancano su altre finestre.
E altri respiri, vite, progetti e desideri.

vico-delle-scuole-pie

Le finestre di Piazza delle Scuole Pie sanno essere una magia rara di caruggi.

piazza-delle-scuole-pie-3

Per questa ragione torno sempre a guardarle, le mie finestre.
Troverò, un giorno o l’altro, quella luce sul vetro.
Effimera e passeggera, non occorre neanche inseguirlo il sole in certi vicoli.
Aspetta, arriverà.

piazza-delle-scuole-pie-2

E svelerà un cartiglio e il profilo della chiesa.
Luce.

piazza-delle-scuole-pie-1

Davanti a certe finestre siedono piccoli custodi e sventola il tricolore.

piazza-fossatello

E poi li rivedi, quei paffuti bambini, nella solita evanescenza di un riflesso.

piazza-fossatello-2

Alcune finestre, invece, sono racchiuse nelle geometrie di una ringhiera, insolita cornice di persiane chiuse.

spianata-castelletto

Altre ancora, nella Superba, sono protette da grate.
E tuttavia nessuno può fermare il sole e i suoi incantesimi.
E allora vedi alberi, cielo, foglie e altre case.
All’improvviso.
Tu aspetta, accadrà.

piazza-santanna

Certe finestre torno sempre a cercarle.
Tra caruggi e madonnette, cupole e campanili, in certi semplici e tortuosi vicoli.
In Via dei Conservatori del Mare.
Ritorno.
Sempre.
A guardare la Superba che si rispecchia in una finestra.

via-dei-conservatori-del-mare

Read Full Post »

Sensazione meravigliosa.
Di quando il destino finalmente si schiude, e diventa sentiero distinto, e ormai inequivocabile, e direzione certa.
Il tempo interminabile dell’avvicinamento. Quell’accostarsi. Si vorrebbe che non finisse mai. Il gesto di consegnarsi al destino. Quella è un’emozione: senza più dilemmi, senza più menzogne. Sapere dove. E raggiungerlo.
Qualunque sia, il destino.

Alessandro Baricco – Oceano Mare

spianata-castelletto

Read Full Post »

Ancora una volta sono stata a guardare Genova dall’alto e per questo ringrazio una cara amica che mi ha permesso di ammirare la Superba da un terrazzo che si apre sui tetti della Superba, su Piazza Corvetto e sulle zone circostanti.

Tetti (2)

E si affaccia in parte sul verde prepotente di Villetta Di Negro.

Tetti (3)

Davanti agli occhi il profilo di un nostro amato concittadino, il più celebre dei patrioti, è Giuseppe Mazzini, assorto e pensieroso.

Tetti (4)

E poi Piazza Corvetto, la prospettiva dell’Acquasola e un cielo velato di nuvole, quel giorno il sole faceva i capricci.

Tetti (5)

Da questo edificio vedi i palazzi della Spianata e la celebre ascensore che conduce a Castelletto.

Tetti (6)

E poi ringhiere, campanili, torri e  il Teatro Carlo Felice.

Tetti (7)

Da un terrazzo sopra Corvetto trovi l’orizzonte del mare che in una giornata grigia si confonde con il cielo, le gru, le linee del porto, il Bigo e le navi.
E il campanile delle Vigne svetta accanto alla Lanterna, nostro faro e nostro simbolo.

Tetti (8)

E poi ancora la città arrampicata sulle colline, un’altra nave, tetti grigi ed abbaini, questo è il profilo di Via Garibaldi con la magnificenza dei Palazzi dei Rolli.

Tetti (9)

Genova e la sua distesa ininterrotta di ardesie spioventi, comignoli e magnifici terrazzini che in estate sono inondati dal sole.
E mentre osservi cerchi di distinguere luoghi noti veduti da una diversa prospettiva, tra i tetti dei caruggi emerge imperiosa la Chiesa della Maddalena.

Tetti (10)

E poi ancora altre ringhiere e geometrie, persiane e finestrelle, un terrazzino minuscolo, lassù, vicino al cielo.

Tetti (11)

Antico e moderno, passato e presente, in un solo orizzonte.

Tetti (12)

Ancora uno sguardo rivolto al patriota genovese, figura a me cara.

Tetti (13)

Ancora uno sguardo verso Genova, mia e sua città natale, dolcemente affacciata sul celeste mare.

Tetti (14)

Read Full Post »

Questo è un posto che non avrebbe neanche bisogno di presentazioni, tutti a Genova conoscono la Gelateria Siciliana di Don Paolo.
Si trova in Spianata Castelletto dove i genovesi e i turisti vanno volentieri a passeggiare e ad ammirare il panorama mozzafiato della Superba.
Questa gelateria è qui dagli anni ’80 e nelle sere d’estate c’è la coda fuori, il servizio però è efficiente e veloce, c’è anche la possibilità di accomodarsi ad uno dei tavolini all’aperto.

Don Paolo

Specialità siciliane e deliziose torte gelato.

Don Paolo (2)

E naturalmente non mancano le cassate, è inutile che ve lo dica!

Don Paolo (4)

E invitanti cannoli, una vera bontà.

Don Paolo (5)

C’è un’ampia scelta di gusti, troverete i freschi frutti e le creme golose.

Don Paolo (6)

E in questo caso io ho le idee chiare: prediligo il pistacchio, è una mia debolezza.

Don Paolo (7)

E mi piace tantissimo il gelato alla cassata, qui lo fanno a regola d’arte.

Don Paolo (8)

Questa piccola gelateria è nei ricordi della mia adolescenza.
Siamo sempre venuti qui e molti di noi continuano a farlo, è una piacevole tradizione estiva che viene sempre rispettata.
Una coppetta colorata, la bella stagione che sboccia.

Don Paolo (9)

Don Paolo è celebre soprattutto per una delle sue specialità siciliane: la granita.
Eh, qua le cose si complicano, cari amici!
I gusti sono tantissimi: tra gli altri cioccolato e sottobosco, melone, pesca e anguria, more e gelsi, menta e cocco.
Con panna o senza?
La mia scelta cade spesso sulla mandorla oppure sulla fragola.

Don Paolo (10)

E anche la granita al pistacchio è ottima!

Don Paolo (11)

E poi potete cercare l’aria che vi batte sul viso, mentre i raggi del sole virano all’orizzonte.
Godetevi una passeggiata ammirando le bellezze di Genova: i tetti, le ardesie, le dimore nobiliari, il confine del mare.

Don Paolo (12)

L’incantevole bellezza del panorama ve la regala la Superba, la dolce bontà è tutta in un bicchierino, è una fresca granita di Don Paolo.

Don Paolo (13)

Read Full Post »

Era il mese di luglio del 1921.
L’aria era calda, le serate scorrevano nella languida dolcezza dell’estate e tuttavia in un certo quartiere serpeggiava lo scontento.
Basta, non si poteva andare avanti in questa maniera, un nutrito gruppetto di solerti cittadini pensò che fosse giunto il momento di farsi le sue ragioni.
E così gli abitanti di Castelletto si riunirono e muniti di carta e penna scrissero una bella lettera a un celebre quotidiano cittadino, Il Lavoro, su quelle pagine appaiono spesso mugugni e lamentele dei genovesi.
A chiare lettere misero nero su bianco la questione: tutto quel trambusto in Spianata Castelletto era inconcepibile.

Spianata Castelletto

Cartolina appartenente alla Collezione di Stefano Finauri

E non era la prima volta che accadeva: ogni anno per la festa della Madonna sempre la stessa storia!
La solita gente del solito comitato aveva di nuovo allestito quella fiera da villaggio: giostre, baracconi e tiro a segno, la faccenda non era più tollerabile.
Forse i membri del Comitato vorrebbero persino essere ricordati con dei busti da apporre nelle aiuole della Spianata? Per carità!
No, una fiera del genere non si potrebbe sopportare neppure a Borgo Incrociati, così scrissero i seccati abitanti della zona.

Spianata Castelletto

Ora, naturalmente il giornale era letto in tutta la città.
Così al giornale giunse una nuova, bella letterina, questa volta ne erano autori quelli di Borgo Incrociati, giustamente scocciatissimi per essere stati chiamati in causa da quelli di Castelletto.
Lor signor non vogliono i baracconi?
E davvero pensano che questi sarebbero adatti a una zona come il Borgo?Borgo Incrociati (2)

Arriva nelle ultime righe la stoccata finale ed è un colpo di fioretto ben piazzato!
Infatti i mittenti della lettera sottolineano che se quei gentiluomini la pensano in questa maniera è perché quelli di Borgo Incrociati sono dei lavoratori e nessuno di loro si sognerebbe mai di protestare contro questi baracconi impedendo così ad altri di guadagnarsi onestamente il pane.
Fine della questione, un caro saluto al direttore dagli assidui di Borgo Incrociati.
Non so se poi la faccenda abbia avuto un ulteriore seguito, nei quotidiani dei giorni seguenti non ho trovato altre lettere relative alla questione, sarebbe interessante consultare il giornale negli anni successivi.
Una lettera a un giornale sa restituire inediti frammenti di quotidiano, questo battibecco tra cittadini mi ha strappato un sorriso, mi sono figurata queste persone che si riuniscono per far sentire la loro voce.
E una cosa è certa: baracconi, tiro a segno e giostre?
Francamente non riesco a immaginarmeli né in Spianata Castelletto né a Borgo Incrociati!

Borgo Incrociati

Read Full Post »

Accadde un po’ di tempo fa: ero sulla terrazza panoramica del Museo di Palazzo Spinola di Pellicceria.
E lì di fronte c’è un terrazzino.
Sapete, una di quelle meraviglie incastonate tra i tetti e l’azzurro del cielo.

Tetti di Genova (3)

Faccio una foto, la condivido su Twitter e scopro che questa è la casa di coloro che dispensano preziosi consigli sulla Superba: Genova4Tourist, dritte e bellezze per chi visita Genova direttamente da chi vive in città.
E ieri, sotto un sole scintillante, sono salita lassù.
E così oggi vi racconto Genova da quel terrazzino, è sempre un’emozione grande scoprire la Superba da un nuovo punto di vista.
Una scaletta, le geometrie spioventi del tetto, qualche gradino.

Tetti di Genova (4)

E ad ogni passo Genova si svela.

Tetti di Genova (5)

Guarda, ecco la celebre terrazza di Palazzo Spinola, è a breve distanza.

Tetti di Genova (5a)

Cielo azzurro, niente vento, il caldo d’inizio estate.

Tetti di Genova (6)

E i consueti stupori.
Da un palazzo all’altro, nella città vecchia, il panorama muta e ogni volta puoi scoprire nuove bellezze.
E vedi la linea del mare,  la vita di una città portuale, la curva della sopraelevata che si snoda tra le case alte.

Tetti di Genova (7)

Guarda lassù, i palazzi della Spianata e l’ascensore di Castelletto.

Tetti di Genova (8)

Mentre sbocciano i fiori e davanti a te si estendono gli splendori della Superba.

Tetti di Genova (9)

Ed è un continuo susseguirsi di campanili, finestrelle, altri terrazzi, il tempo di Genova sfiora il cielo.

Tetti di Genova (10)

E svetta maestosa la Torre degli Embriaci.

Tetti di Genova (11)

A sinistra dell’immagine si vede parzialmente la chiesa di San Luca, su tutto predomina la Cattedrale di San Lorenzo.

Tetti di Genova (12)

E poi persiane aperte ed abbaini.

Tetti di Genova (13)

Vicoli, caruggi e piazzette sono sotto di te.
Ed è proprio quella città, la sua poesia è in certe parole di Giorgio Caproni che amo sempre citare:

Genova città pulita.
Brezza e luce in salita.
Genova verticale,
vertigine, aria, scale.

Tetti di Genova (14)

E se hai un terrazzino come questo cosa fai?
Ci metti un tavolino, le sedie e ti lasci accarezzare dalla luce delle calde sere d’estate.

Tetti di Genova (15)

Tra comignoli, profili di caruggi ed ancora campanili.

Tetti di Genova (16)

E non potrai mai dire di aver veduto Genova se non hai ammirato la distesa dei suoi tetti, lo sanno bene i visitatori che salgono la scaletta che porta al terrazzino di Palazzo Rosso.

Tetti di Genova (17)

C’è un silenzio magico sopra San Luca, mentre osservo la città nella cornice della ringhiera.

Tetti di Genova (18)

Sono queste le armonie che svelano la sua identità, il suo spirito fiero, quella bellezza che dovremmo saper esaltare.

Tetti di Genova (19)

Cartoline da Genova, da un terrazzino sopra i tetti, in una mattina di giugno.

Tetti di Genova (19a)

E tutto attorno è un trionfo di fiori, piante e alberelli che respirano l’aria del mare.

Tetti di Genova (20)

Genova d’azzurro, di acqua e di cielo.
Si staglia candido il profilo di Palazzo San Giorgio, non lo avevo mai veduto da questa prospettiva.

Tetti di Genova (21)

E poi.
E poi, chiacchiere tra amici, ancora ardesia, estate e focaccia.
Lassù, sui tetti.

Tetti di Genova (26)

E petali che si aprono al sole e si dischiudono generosi.

Tetti di Genova (23)

Le campane suonano, i gabbiani si librano alti e un aereo sorvola la città.

Tetti di Genova (24)

Ringrazio gli amici che mi hanno ospitato, mi hanno regalato ancora nuove meraviglie.
Questa è la mia Genova, la città che amo, vorrei che tutti potessero vederla così.
Splendente, nella sua unicità.
Vera e Superba, da un terrazzino sopra Via San Luca.

Tetti di Genova (25)

Read Full Post »

Non è poi così esigente e complicata, la vita.
È adattabile.
E nasce, ritorna.
Respira.
Semplice, nella sua incomprensibile complessità.
Le basta uno spruzzo di acqua piovana, un tiepido raggio di sole.
Un soffio d’aria.
E una fessura in un muricciolo, un appiglio al quale ancorarsi.
È così, testarda e tenace.
La vita.

Fiore

Read Full Post »

Older Posts »