Una storia della Superba: il Seminario Arcivescovile di Genova

Oggi su queste pagine pubblico il testo che ho scritto per la mostra allestita alla Berio in occasione delle celebrazioni per il ventennale della biblioteca nella sede dell’edificio che un tempo ospitò il Seminario Arcivescovile.
Questo post racconta una storia della Superba, è la storia del Seminario Arcivescovile di Genova.

“Dalla Piazza di Ponticello oltre quella de’ Lanieri partono due altre strade, una va dritta alla Porta dell’Arco e a destra per essa ascendesi al Seminario Arcivescovile, grande edifizio che ha una bella ed imponente facciata a tramontana rivolta, e all’opposto due bracci che comprendono un ampio cortile con i portici all’intorno da grosse colonne di marmo bianco formati.”

Descrizione della città di Genova da un anonimo del 1818 – a cura di Ennio e Fiorella Poleggi SAGEP Editrice Genova – 1969

Quasi nulla resta di quanto descritto dallo sconosciuto autore che lasciò ai posteri le sue impressioni sulla città di Genova.
Le strade citate sono scomparse ma rimane, maestoso ed imponente, in questa zona che ha molto mutato la sua fisionomia, il grandioso edificio che un tempo ospitò il Seminario Arcivescovile e che adesso è sede della Civica Biblioteca Berio.

Fu il Concilio di Trento a stabilire che le diocesi avessero un Seminario per lo studio e la preparazione dei giovani che sentivano la vocazione del sacerdozio e fu l’Arcivescovo Cipriano Pallavicino a dare vita al primo seminario tra il 1575 e il 1577.
I giovani chierici, appena dodici, si dedicavano allo studio del canto e della grammatica ma ai suoi primordi il seminario era più che altro una scuola e non aveva stanze per ospitare i seminaristi, i giovani quindi tornavano ogni sera alle proprie case.
Giunse così nuovamente l’esortazione a provvedere in modo che la città avesse il suo seminario e questo accadde nel 1585 quando come coadiutore di Pallavicino venne designato Monsignor Antonio Sauli che con fattiva partecipazione si dedicò alla grande opera di fondazione del Seminario.

Egli si rivolse al Senato, all’Ufficio di San Giorgio e all’Ufficio di Misericordia e ottenne i sussidi necessari per aprire finalmente il Seminario.
In quell’epoca la sede venne stabilita in una semplice abitazione in Contrata Luculi, da una nota spese sulla quale sono annotati certi lavori di restauro risulta che la casa nella zona di Luccoli disponesse di tre stanze da letto usate appunto dai chierici.

Via Luccoli

Furono poi altre le dimore utilizzate: dal 1603 al 1610 il Seminario si trasferì in Piazza San Lorenzo, per 16 anni a partire dal 1621 fu invece in San Bernardo.
Era ben evidente a tutti la necessità di una sede più vasta e permanente per i seminaristi ed ebbe modo di constatarlo di persona l’Arcivescovo e Cardinale Stefano Durazzo.
Accadde nel 1637, nel corso di una sua visita, egli infatti vide che per ospitare 30 chierici si utilizzava una casa in affitto inadatta e non sufficientemente ampia.
Il Cardinale trovò così ai religiosi dapprima una nuova sistemazione in una zona non nota e in seguito fece in modo che fossero collocati in Carignano nelle vicinanze dei Gesuiti dove i seminaristi potevano frequentare la scuola e svolgere le loro pratiche religiose.
Durazzo, tuttavia, era sempre animato dal profondo desiderio di realizzare un vero seminario in questa città e con fervente dedizione si adoperò per raccogliere i fondi necessari.
Chiese sussidi alle famiglie più abbienti, donò egli stesso parte dei suoi averi e ottenne altre notevoli cifre grazie alle tasse che si potevano imporre ai benefici della diocesi, un ingente contributo venne dato da Emanuele Brignole che in quel periodo fece costruire anche l’Albergo dei Poveri.

Albergo dei Poveri

Per l’edificazione del Seminario fu scelta una zona di campagna che sovrastava le strade di Ponticello, i terreni vennero acquistati sul finire del 1654.
Il progetto e la realizzazione del magnificente edificio vennero affidati all’architetto Gerolamo Gandolfo di Oneglia che venne coadiuvato da Pier Antonio Corradi e Antonio Torriglia.
Sorse così il Seminario Arcivescovile di Genova, preziosi sono i suoi marmi e le colonne scolpite da
Gio Battista Orsolino, i lavori furono completati nel giro di due anni e durarono dal 1655 al 1657.
Nel primo periodo il Seminario ospitò circa 70 chierici, si tenevano scuole di grammatica, umanità, filosofia e canto.
Durazzo tenne sempre alta l’attenzione sulle vicende del seminario, nel corso degli anni furono sempre molti i benefattori che destinarono ingenti somme all’Istituto ecclesiastico, per promuoverne le attività si organizzavano anche accademie, recite e dispute pubbliche alle quali assistevano il Cardinale stesso e il Doge di Genova.

Il Seminario, nel corso dei secoli, seguì il destino e le tragiche vicende che colpirono la città, narrano le cronache che durante la tremenda pestilenza che falcidiò la popolazione intorno alla metà del ‘600 furono molti i religiosi che non si risparmiarono e diedero il loro aiuto nel soccorrere i poveri appestati.
Vennero poi altri anni e altre difficoltà, la rivoluzione del 1799 fece chiudere il seminario che fu riaperto soltanto nel 1803.
E ancora i giorni difficili non erano finiti, in quelle epoche durante le quali la vita umana era ancor più fragile, il Seminario aprì le sue porte ai colerosi durante una delle epidemie che funestarono Genova agli inizi dell’Ottocento.
Con il trascorrere del tempo il Seminario subì diverse modifiche: nel 1840 Ignazio Gardella fece realizzare anche la cappella situata al pianterreno, mentre sul finire dell’Ottocento furono apportati ulteriori ampliamenti a cura dell’ingegner Massardo che su incarico dell’Arcivescovo Magnasco realizzò due ulteriori bracci a sud con l’ingresso su Via Fieschi.

E ancora fu la storia a segnare il destino di questa istituzione religiosa, durante la Prima Guerra Mondiale metà dell’edificio fu utilizzata come Ospedale Militare, molti seminaristi vennero chiamati sotto le armi e lasciarono quindi il Seminario.
Durante la Seconda Guerra Mondiale, come molti edifici di quella zona, anche il Seminario Arcivescovile subì danni in seguito ai bombardamenti.
Il tempo è passato, la zona nella quale è sorto il nostro Seminario è divenuta moderna e si trasformata in una realtà in tutto differente.
È scomparso il dedalo delle vie che confluivano in Piazza di Ponticello, sono state costruite Piazza Dante e la Galleria Colombo, l’antico edificio del Seminario è rimasto quasi adombrato dai grattacieli e dalla modernità.
L’istituzione ecclesiastica trovò negli anni ‘70 una nuova collocazione in Salita Emanuele Cavallo e bisognerà attendere gli anni ‘90 per il progetto di recupero che ha restituito alla città l’edificio con ulteriori modifiche e ampliamenti e anche con una nuova anima.
Dal 1998 il Seminario è sede della più importante Biblioteca Civica ed è un fondamentale punto di riferimento culturale della città, qui convivono innovazione e tradizione, il presente e il passato hanno trovato la giusta armonia in questo edificio che è parte del cammino di una città a volte capace di rinnovarsi nel rispetto della sua storia.

Bibliografia
Il Comune di Genova – Bollettino Municipale Nr 13 del 31 Luglio 1922
Fides Nostra – Periodico Mensile Luglio 1965
Guida Illustrativa del cittadino e del forestiero per la città di Genova e sue adiacenze Federico Alizeri – Forni Editore 1972
Descrizione della città di Genova da un anonimo del 1818 – a cura di Ennio e Fiorella Poleggi SAGEP Editrice Genova – 1969

Un antico negozio in Via Luccoli

Nel tempo del Natale si va a far spese, cari amici.
E come è ben noto noi genovesi amiamo gironzolare per le botteghe dei caruggi, in quei nostri vicoli stretti che raccontano di noi e della nostra storia.
Questo bel negozio era un tempo in Via Luccoli, strada che sotto le feste sarà stata affollata da una fiumana di gente e certamente molti curiosi si saranno soffermati a sbirciare le luccicanti vetrine di Grillo.
Si vendeva davvero un po’ di tutto, c’erano le bomboniere per i momenti felici e anche l’occorrente in caso di lutto perché purtroppo la vita di ognuno è costellata di dolori improvvisi.
E c’era una vasta scelta di articoli da regalo e le sale da esposizione al primo piano riuscite a immaginarle?
Vetrinette, arredi eleganti e oggetti per tutti i gusti.
E c’è da dire che i proprietari ci tenevano a farsi conoscere, questa è la pubblicità che ho trovato tra le pagine della Guida Pagano del 1922.
Il negozio figura in diverse rubriche, lo si trova sotto le seguenti voci: oggetti d’arte, argenteria, bijouterie, chincaglierie, lampadari e pelletterie.
Insomma, c’era ogni ben di Dio!

E se ne trova notizia anche nel Lunario del 1894 anche se il numero civico è 67 rosso e non 69, doveva essere proprio un negozio dalla lunga storia.
E chiaramente mi sono più volte immaginata anche la precedente proprietaria, la signora Emma Gualco, ne ho un’immagine precisa di donna affabile e pratica capace di fare buoni affari nel suo negozio di Via Luccoli.
Ed ecco dove si trovava questa bella bottega di Zena.

Io ho fatto tutte le ricerche possibili, ho trovato il negozio anche sulla Guida Opera Pompei del 1934, sulla Guida Pagano del 1957 e sull’elenco telefonico del 1966, generazioni e generazioni di genovesi hanno fatto acquisti da Grillo.
E chissà, forse qualcuno di voi se lo ricorda?
Io conservo queste memorie stampate su certi vecchi volumi e su un foglio di carta intestata che ha sfidato lo scorrere del tempo.
In queste feste questo è il ricordo del glorioso negozio del signor Grillo che un tempo si trovava nella nostra amata Via Luccoli.

Parcheggi nel tempo delle feste

Tempo di Natale, tempo di feste.
Come ogni anno svetta l’abete in Piazza De Ferrari, questo dicembre è iniziato in modo gradevole, con questo cielo limpido e azzurro.

alberto-di-natale

Tempo di Natale, tempo di andar per negozi.
E si sa, il parcheggio è sempre un problema, anche se a quanto pare sono sempre più numerosi quelli che a Genova scelgono le due ruote per spostarsi, a giudicare dalle biciclette che si vedono in giro si direbbe che i genovesi amino pedalare.
Basta un paletto ed ecco fatto, ci si ferma in Via Fiasella, davanti al negozio che vende splendidi fiori e alberi artificiali.

via-malta-1

E ricorderete che già in passato vi ho mostrato colui che potete incontrare tra queste belle piante.

cani-8

Ecco, ho scoperto di recente che si chiama Otto e se ne sta beato tra gli abeti.
Fate ciao a Otto, è proprio un tipetto simpatico, ve lo garantisco.

via-malta-2

Di due ruote, caruggi e biciclette.
E insomma, alla fine alcuni scorci a me paiono perfetti, sarà perché io amo tanto questi luoghi.

vico-scuole-pie

Di discese, ancora biciclette e archivolti.
E questo è Vico alla Casa di Mazzini, molto spesso è chiuso da un cancello ma quando invece è aperto ed accessibile allora è una bellezza.
E noto un cestino di vimini decorato con i fiori, vasetti di coccio, lavori a maglia che coprono i tubi.

vico-alla-casa-di-mazzini

Tuttavia non è di una due ruote il parcheggio perfetto.
Eh no, si tratta di un altro mezzo che ho veduto davanti a un celebre negozio di Genova e ho pensato: questo sì che è un buon inizio!
Ditina che affondano nella panna, un nasino sporco di zucchero e le guance tutte appiccicose di dolcezza.
In Via Luccoli, dalla storica Cremeria Buonafede.
Con il passeggino parcheggiato fuori, davanti alla vetrina.
Cose che si vedono a Genova, nel tempo delle feste.

via-luccoli

Gastronomia De Micheli, un curioso fatto ottocentesco e cose buone di Zena

Tutti i buongustai di Genova conoscono questo splendido negozio di gastronomia ai Macelli di Soziglia, De Micheli è una vera e propria istituzione e la sua vetrina parla da sola.
Cima, cappon magro e delizie di ogni genere da portare in tavola.

de-micheli

E tuttavia la dimenticanza ha posto il suo velo su un fatterello di cronaca avvenuto molti anni fa, ne diede notizia il più celebre giornale cittadino, “Il Secolo XIX”, questa vicenda creò un certo trambusto nei caruggi circostanti, state un po’ a sentire cosa accadde.
Dunque, si era sul finire dell’Ottocento e in Soziglia faceva i suoi affari un pizzicagnolo di nome Giuseppe De Micheli.
All’epoca il suo negozio si trovava in questo punto di Via dei Macelli dove ora ha sede la Bottega dello Stoccafisso.

Bottega dello Stoccafisso

Nell’anno 1900 aprì invece i battenti la bottega che tutti conosciamo dove si acquistano squisite prelibatezze.

de-micheli-2

Torniamo alle vicende ottocentesche e a quel giorno in cui da De Micheli capitarono tre malfattori: uno di essi gettò uno sguardo fulmineo al negozio, c’era da farsi venire l‘acquolina in bocca!
D’improvviso costui afferrò un grosso pezzo di ottimo stracchino e tenendolo stretto si diede alla fuga giù per i caruggi seguito dai suoi compari.

via-dei-macelli-di-soziglia-1

Il De Micheli però era un baldo giovane di 36 anni e con atletica prestanza si lanciò all’inseguimento, una volta giunto in Via Luccoli riuscì ad acciuffare uno dei ladruncoli.
E insomma, le cronache raccontano che si mise a dargliele di santa ragione, ecco.
Il fato però è sempre in agguato, in questo caso ha il volto e il nome di un certo Federico il quale, uscendo dalla sua casa di Via Luccoli, rimase stupefatto nel vedere l’insolita scena.
Un’aggressione! – pensò tra sé e sé – Povero ragazzo!
Non ebbe esitazioni e con pronta solerzia si gettò sul De Micheli allontanandolo dal ladro e  fu così che questi riuscì a sfuggire alle ire del pizzicagnolo dandosi alla macchia nel labirinto dei vicoli.

Via Luccoli (17)

Il Signor Federico, una volta saputa la verità, scrive il cronista del Secolo, porse sentite scuse al De Micheli.
E lo stracchino? Ah già, quello!
Colui che lo aveva sottratto se ne era rapidamente liberato gettandolo a terra, l’ambito pezzo di formaggio cremoso venne sistemato al sicuro, nell’ufficio delle guardie.
Cose che succedevano a Genova, sul finire di un altro secolo.
Ai Macelli di Soziglia c’è ancora l’attività della famiglia De Micheli ed è uno dei fiori all’occhiello dei nostri caruggi.

de-micheli-3

Ci trovate tante cose buone, oltre ai salumi e ai formaggi qui si vendono vere specialità gastronomiche, dalle frittelle di baccalà all’insalata di mare.

de-micheli-4

Acciughe fritte? Ci sono!

de-micheli-5

Acciughe marinate? Eh già, ci sono anche quelle!

de-micheli-6

Non mancano certe sfiziose bontà.

de-micheli-7

E troverete stoccafisso alla genovese in abbondanza.

de-micheli-8

E il budino, certo!

de-micheli-9

Un negozio dalla lunghissima storia, un’attività che ha ricevuto diversi riconoscimenti ed è inclusa tra le botteghe storiche di Genova.

de-micheli-10

Un’impresa di famiglia portata avanti con grande amore per il proprio lavoro e con senso di appartenenza ad un luogo adorato dai genovesi, i Macelli di Soziglia sono meta prediletta di molti di noi e botteghe come questa rappresentano la nostra identità e le nostre tradizioni.

100anni
Cose buone di Genova sulle nostre tavole, le prepara per noi da più di cento anni la Gastronomia De Micheli.

de-micheli-11

Caruggi amatissimi, dove è semplicemente bello camminare, osservare e sentirsi a casa.

piazza-dei-macelli-di-soziglia

Scostando la tenda del negozio di De Micheli davanti a voi vedrete una splendida edicola.
È in questi contrasti l’anima vera della città, quella sua essenza che da secoli risiede nelle meravigliose angustie dei suoi vicoli.

via-dei-macelli-di-soziglia-2

Un giorno, tanto tempo fa, in questi posti capitò un fatto increscioso: un pezzo di stracchino, tre ladruncoli, una fuga precipitosa nei caruggi.
Cose che accaddero a Genova in un altro secolo, nel cuore della città vecchia.

via-dei-macelli-di-soziglia-3

Semplicemente grigio

Grigio.
Sfumatura di nuvole, iridescenza di conchiglia, a volte mare inquieto.
Indefinito e indicibile, come le risposte che non sai trovare, come quei pensieri incerti che restano in una parte nascosta di te, nella tua zona d’ombra.
Ma poi.
Basta un colpo di vento, sai.
E un cielo turchese e tutte le declinazioni del grigio.

fontanigorda

Elegante, essenziale, riflesso d’argento.

via-garibaldi

Grigio di metallo, casa improvvisata di timidi fiorellini.

fiore

Tono della vita di una delle ultime coraggiose farfalle: lei non vuole arrendersi all’autunno e alla sua aria frizzantina, rimpiange già il tepore dell’estate.
L’ho trovata una mattina, quasi intirizzita, posata sulla zanzariera.
Fragile, così.

farfalla

Grigio chiaro, di lacca, nel misterioso silenzio di una porta chiusa.

via-luccoli

Una tenda abbassata, la luce fioca di un lampione.
E soltanto diverse vaghezze di grigio.

via-luccoli-2

Organza sottile, bianca e rosa, un refolo d’aria e un improvviso movimento.
Delicatezza di perla in una sola prospettiva.

carmine

Grigio.
Di nubi gonfie di pioggia, di temporali, di mutamenti di stagione.
Ma poi.
Basta un raggio di sole che si posa sul mare, sai.
E tutto si rischiara e si illumina, in certe radiose declinazioni di grigio.

lanterna

La primavera di Via Luccoli in fiore

Esaltare la bellezza di un luogo, farlo divenire ancor più piacevole ed accogliente grazie ad un’idea creativa e geniale: con il mese di maggio su iniziativa dell’Unione Operatori Economici di Via Luccoli ritorna l’appuntamento di Via Luccoli in Fiore, il mercato di piante e fiori del Vivaio Sempreverde di Borzoli.
E così una della strade più amate dei nostri caruggi si veste di tutte le sfumature della vita.

Via Luccoli

Quest’anno i commercianti della via hanno saputo far risaltare al meglio gli splendori di Luccoli, sono passata sabato scorso e sono rimasta letteralmente incantata.
Fioriture colorate dove un tempo zampillava acqua cristallina.

Via Luccoli (3)

Via Luccoli (4)

E una maniera diversa di vivere la città.
Cappelli di paglia, ombrelli e gerani.

Via Luccoli (5)

Romanzi, poesie e fiori rosa.

Via Luccoli (6)

Il candore di certi petali.

Via Luccoli (7)

E la vetusta bellezza dei portali di Genova.

Via Luccoli (8)

Non c’è pianta che non trovi la sua giusta collocazione nella città vecchia.

Via Luccoli (9)

E ancora vasetti appesi accanto ai citofoni.

Via Luccoli (10)

E le piazzette erano tutte invase dagli sgargianti colori della primavera.

Via Luccoli (10a)

Via Luccoli (12)

Rose profumate lungo il cammino.

Via Luccoli (13)

Sfumature di una stagione che nasce e prospettive di caruggi.

Via Luccoli (14)

Un’armonia alla quale ti abitui in fretta, siamo fatti per vivere immersi nella bellezza.

Via Luccoli (15)

Un vasetto su ogni battente.

Via Luccoli (16)

E un tralcio di rose bianche che si protende verso la via.

Via Luccoli (17)

La moda della tradizione genovese, l’abbigliamento sportivo e poi piccole cassette, ancora piante e profumi di maggio.

Via Luccoli (18)

La bellezza si svela nei dettagli più semplici che si sposano ad architetture di pregio.

Via Luccoli (19)

La bellezza gioiosa, impertinente e vitale.

Via Luccoli (20)

Profumo di tè e di fiori destinati ai giardini e ai davanzali dei genovesi.

Via Luccoli (21)

Antiche case, fragranza di erbe aromatiche ed edicole sacre.

Via Luccoli (22)

Nella via che un tempo era rigogliosa e verde, Via Luccoli deriva il suo toponimo dal latino luculus e questa parola significa boschetto.
E ancora può essere così, in qualche maniera.

Via Luccoli (23)

E poi capi di abbigliamento e alberelli d’agrumi.

Via Luccoli (24)

E piccoli succosi kumquat e il momento della merenda, un gelato con panna ci sta a meraviglia!

Via Luccoli (25)

Una magia bella che si ripeterà, le prossime giornate si terranno il 21 e il 28 Maggio, sotto il cielo turchese di Genova.

Via Luccoli (26)

La bellezza è necessaria, è una componente importante della nostra felicità e saperla vedere a volte è un dono.
A volte però la bellezza è sfacciata, briosa e così evidente.

Via Luccoli (27)

È un ramo di bouganvillea, un incontro di curve perfette.

Via Luccoli (28)

È un’ortensia bianca come la neve, pura e generosa di quella magnificenza che sa rendere più dolci le nostre giornate.
In un giorno di primavera, in Via Luccoli.

Via Luccoli (29)

Memorie nostalgiche del Carnevale di Genova

Nel tempo del Carnevale queste sono le memorie nostalgiche di Luigi Tramaloni, genovese nato a metà dell’Ottocento e autore di versi in dialetto dedicati a usanze ormai perdute.
Il suo libretto mi è stato mandato via mail da Eugenio con tanto di dettagliata traduzione, ringrazio il mio generoso amico che mi ha dedicato così tanto tempo, senza di lui io non avrei certo compreso ogni parola e invece ora posso portarvi con me per le strade di Genova durante il Carnevale.

Carnevale

Dunque, che succede quando arriva questo periodo festoso?

Tûtta Zena a lëa in fermento
A n’aveiva che ûn pensâ
De gödî ö divertimento
Che e misëie ö fa scordâ

Tutta Genova era in fermento
E non aveva che un pensiero
Di godere del divertimento
Che fa scordare le miserie

Per pochi spiccioli si potevano affittare abitini dagli straccivendoli di Salita del Prione, i monelli del quartiere avevano vestiti rattoppati e ricuciti.

Salita del Prione

Salita del Prione

E quante maschere a Genova: da gobbo, da cuoco, da nobile o da cavaliere, le più diffuse erano quelle da Arlecchino e da pagliaccio.
In Via Luccoli c’era la bottega dell’antiquario Serafino Zerega dove si trovava di tutto: marsine e pantaloni alla zuava, damaschi, sete e velluti.
E scialli, frange, cappelli, turbanti, piume di struzzo e di pavone, finti gioielli e sciabole luccicanti.
E un cassone pieno di parrucche!
E trombe e tamburi!

Via Luccoli (25)

Via Luccoli

E poi, naturalmente, c’era l’usanza del corteo mascherato, le uniche carrozze ammesse erano quelle dei Fratelli Busnelli.
Alle due teste del corteo due Piazze, San Domenico e la Nunziata, si impiegava un gran numero di Carabinieri per tenere sotto controllo l’ordine pubblico.
Eppure mica sempre ci si riusciva!

Piazza della Nunziata

Cartolina appartenente alla Collezione di Eugenio Terzo

Ed ecco i nobili!
I Serra, i Balbi, i Cambiaso e i Durazzo, nelle loro carrozze un’abbondanza di delizie, caramelle al rosolio e cioccolatini.

DolciDolci di Romanengo

E c’erano cesti ricolmi di mazzi di viole e cassette di agrumi,  tutta questo ben di Dio veniva usato per una gustosa e dolcissima battaglia.
Sulla porta di Klainguti, in Via Carlo Felice e cioè l‘attuale Via XXV Aprile, l’aristocratico Degola veniva preso di mira da tutti i suoi amici!
E certo, sul finire dell’Ottocento  Klainguti, oltre al negozio di Soziglia, aveva un negozio a Banchi e uno per l’appunto in Via Carlo Felice.

Klainguti

La battaglia più coinvolgente si svolgeva in Via Garibaldi, davanti a Caffè della Concordia.

Via Garibaldi

Loggiato di Palazzo Tursi, un tempo sede del Caffè della Concordia

Erano celebri due impiegati del Municipio, questi due davano spettacolo con i loro duelli, quando arrivavano gli si stringeva intorno tutta la città!
E c’era il Ravano con la sua marsina da dottore, il Farmacista Macaggi che veniva da Bargagli.

Paivan gente nasciûa apposta
Pe fâ rîe l’ûmanitæ

Sembrava gente nata apposta
per far ridere l’umanità

Certo, scrive il nostro, i tipi più originali erano a Portoria: il Grillo andava in giro tutto imbottito in modo da sembrare una mamma e lo vedevi a zonzo con il Cecco, uno dei due portava in braccio un bamboccio.
E poi sapete, quel carnevale è stato ucciso da certe nuove usanze: i coriandoli di gesso che macchiano i vestiti, la brutta abitudine di lanciare frutta guasta e castagne secche che gettate in faccia fanno male.
Per non dire dei botti ma a quelli hanno pensato le autorità.

Profumo

Pasticceria Profumo

E così, scrive con nostalgia il nostro, hanno ucciso il Carnevale.
A riportarlo brevemente in auge ci ha pensato la Società Ginnastica Cristoforo Colombo con la Passeggiata De Ghiggermo, un fantastico corteo in costume.
Eh, per realizzarlo però ci voleva qualche ricco che aprisse i cordoni della borsa!

Coriandoli 1

Eccoli i partecipanti, vestiti di tutto punto, armati di trombe e di alabarde, sfilano per le vie della città.
E c’è da ringraziare il Signor Bisso, è il sarto che fornisce i costumi.
E che gran concorso di persone entusiaste, una vera compagnia di artisti, l’elenco è lungo: il ginnasta Vassallo, orefice di Via Roma, il Romeo, anch’egli ginnasta e tintore di Via Maddaloni, ci sono un equilibrista, un uomo volante e un certo Cipollina agli anelli.
Scrive con rimpianto l’autore che questo ultimo evento è durato poco, per rifarlo bisogna mettere in conto molte spese.
E siamo nel 1928, così il nostro Tramaloni spera che con l’anno nuovo ci sia ancora un nuovo Carnevale, anche se nella memoria rimane la nostalgia di quel tempo passato che aveva una giocosa e inimitabile magia.
La bellezza di questi racconti è nella capacità di portarti in un altro tempo, la forza delle parole ti fa vedere ciò che non hai vissuto: un carro, le risate, le maschere della gente di Genova e la dolcezza di anni lontani.

Confetti

Confetti di Profumo

Camminando sotto le luci

Camminando sotto le luci, nei giorni che precedono il Natale.
E sì, per me la città è più allegra, io amo certe luminarie, in alcuni luoghi sanno rendere più scenografiche le vie.
Via Luccoli, bella ed elegante, è vestita a festa.

Luci (2)

E brilla una luce azzurrina presso certi imperdibili incroci.

Luci (3)

Natale è fiocchi rossi e luccicanti sospesi nel buio.

Luci (4)

E in alcuni tratti, attorno alla Maddalena, si leggono parole di luce e tra tutte ne prediligo una che si trova all’inizio di Vico Inferiore del Ferro, sarà perché amo stupirmi e credo che sapersi sempre sorprendere sia un grande dono.

Luci (5)

E poi giù, verso i Macelli, nei luoghi dove tutto è già suggestivo.
Aggiungi le luci.
E guarda.

Luci (6)

E nella piazzetta, tra i banchi della frutta e del pesce.

Luci (7)

E ancora azzurro, tra sfumature di pesca e di rosso.

Luci (8)

E poi ancora caruggi, insegne, negozietti, tavolini e sedie, sotto le feste.

Luci

E un albero di scatoline nella vetrina di una raffinata pasticceria genovese.

Luci (10)

Pasticceria Profumo

Palazzi splendenti che non hanno neppure bisogno di ulteriori illuminazioni.

Luci (11)

E l’albero più lucente della Superba si specchia nell’acqua del mare.
Fai come me, fermati alla ringhiera, aspetta.

Luci (12)

Brilla, brilla, brilla.

Luci (13)

Aspetta.
Aspetta che il sole scenda piano e diffonda il suo chiarore in lontananza perdendosi tra certi bagliori d’argento.

Luci (14)

Guarda, le luci del Natale e le luci del quotidiano.

Luci (15)

Le linee, i disegni perfetti tracciati nel cielo della sera.

Luci (16)

I colori e i riflessi della città.

Luci (16a)

E bronzo, oro, bianco, nel mare di Genova.

Luci (17)

Aspetta che sia buio, allora tutto riluce ancor di più.

Luci (18)

E c’è un luogo, a Genova, che ha la dimensione raccolta di un presepe incastonato in una piccola e meravigliosa insenatura.
Vai a Boccadasse, in una sera d’inverno.

Luci (19)

Dormono i gozzi, nel buio silenzioso.
Là, sullo scoglio proteso sul mare, brilla di blu un semplice alberello e si riflette nell’acqua, in una notte di dicembre, a Boccadasse.

Luci (20)

Aspettami in Via Luccoli

Aspettami là, nel punto in cui la strada curva dolcemente.
Forse arriverò in ritardo, può darsi che prima di raggiungerti io vada a salutare il mare, è una cara, vecchia abitudine.
E poi mi fermo sempre a guardare i libri usati, tra Banchi e Via Orefici.
Tu aspettami là.
Camminerò ascoltando la musica che piace a me, Chopin, i Clash, non so dirti, dipende dalla giornata.
E comunque alla mia musica non rinuncio mai.
E poi i miei occhi si soffermeranno su ogni edicola, cerco mani gentili di Santi e sguardi amorosi di Madonne, manti usurati dal tempo eppure celesti per me, anche tu li vedi così?
E poi può anche darsi che io mi perda a guardare oltre le finestre aperte, verso soffitti affrescati che sovrastano stanze e saloni nei palazzi dei caruggi.
Aspettami.
Aspettami là, dopo la piazzetta che disegna un quadrato perfetto nel cielo.
E magari incontrerai un raggio di luce che filtra tra le case alte e illumina la strada, a me è capitato, proprio in Via Luccoli.

Via Luccoli

Via Luccoli in fiore

C’era una volta, in un tempo lontano, un luogo noto come boschetto, questo è il significato della parola latina luculus dalla quale deriva il nome di una celebre strada della città vecchia.
E il bosco sacro dell’antichità in un giorno di maggio venne trasformato in un giardino ricco di fiori profumati ed odorosi.

Via Luccoli (2)

E’ quello che accaduto lo scorso sabato, Via Luccoli in fiore è un’iniziativa dell’Unione Operatori Economici di Via Luccoli che hanno invitato i proprietari di due vivai genovesi ad esporre le loro piante lungo la via e nelle piazzette.
La parte superiore di Luccoli era a disposizione del Vivaio Sempreverde e la parte inferiore è stata invece concessa al Nuovo Garden di Diego e Mirko, entrambi hanno la loro sede Borzoli.

Via Luccoli (3)

Qui eravamo in attesa del Giro d’Italia e davanti alla libreria L’Amico Ritrovato c’era  pure una piccola bici da bimbi!

Via Luccoli

Via Luccoli in fiore, una gioia per gli occhi, ho così  deciso di parlare a nome di tutti i genovesi in quanto sono certa che tutti loro siano d’accordo con me.
Vorrei dire che noi di Genova amiamo molto le piante appese accanto le vetrine.

Via Luccoli (4)

E ci piace vedere la primavera fiorire tra i caruggi.

Via Luccoli (5)

E siamo felici di trovare i gradini ingombri di piantine e i vasetti che pendono sulle inferriate dei cancelli.

Via Luccoli (6)

Via Luccoli (7)

E che bellezza i fiori colorati appesi ai lampioni!

Via Luccoli (8)

E poi tutti ci siamo fermati al mercatino, c’era chi comprava i gerani per il balcone o un alberello di limone per il giardino, qualcuno invece ha scelto le piante aromatiche da mettere sul davanzale.

Via Luccoli (9)

Caruggi in fiore, tutti noi vorremmo che fossero sempre così.

Via Luccoli (10)

Tra luce e ombra sbocciavano generose le rose gialle.

Via Luccoli (11)

Questa antica via è molto amata dai genovesi e passeggiare in mezzo ai fiori è ancor più bello, sono certa che tutti la pensino come me!

Via Luccoli (12)

E c’erano rose dalle sfumature delicate.

Via Luccoli (15)

E poi ancora rose, rose rosse e cristalli luccicanti.

Via Luccoli (13)

Scendi, mentre la strada dolcemente curva verso Soziglia.

Via Luccoli (14)

E sì, a noi piace trovare ortensie celesti nei vicoli.

Via Luccoli (16)

E tavolini colorati con le piante in esposizione.

Via Luccoli (17)

Genova offre così tante suggestioni e lo splendore dei fiori  non può che valorizzarle.

Via Luccoli (18)

Così io ho fatto su e giù due o tre volte, è così che dovrebbero essere tutti i caruggi del centro storico, sempre.

Via Luccoli (19)

E poi c’erano i vasi appesi sopra gli ingressi dei negozi.

Via Luccoli (20)

Via Luccoli (21)

E tavolini, cassette ricolme di piantine in boccio, un’esplosione di sfumature di primavera.

Via Luccoli (23)

Un’idea tanto semplice quanto vincente: i vivaisti hanno potuto esporre le loro piante in un contesto diverso dal solito, i commercianti di Via Luccoli hanno abbellito la strada e i genovesi hanno potuto fare acquisti passeggiando nei vicoli.

Via Luccoli (24)

E mentre camminavo in Via Luccoli sapete che luogo mi è tornato alla mente?
Parigi, l’estate e una stradina trovata per caso, c’erano fiori ovunque, come è accaduto sabato nei vicoli.

Via Luccoli (25)

Finestre di caruggi e fiori.

Via Luccoli (26)

E palazzi antichi e giovani foglioline verdi.

Via Luccoli (27)

Grazie a chi ha regalato a Genova la bellezza che si merita, aspettando ancora Via Luccoli in fiore.

Via Luccoli (28)