Aprile 1914: la faccenda del tamarindo

Se non avete mai sentito parlare della faccenda del tamarindo la ragione è solamente una: la notizia, curiosa e comunque di poco conto, risale in effetti a molto tempo fa, mi domando se in certi caruggi se ne sia parlato a lungo oppure no, difficile a dirsi.
Dunque andiamo ad una tiepida sera di aprile del 1914, il giorno sta per finire in Vico degli Indoratori e dopo tanto duro lavoro il signor Carlo si appresta a tornarsene a casa, forse in un momento di distrazione o di eccessiva fiducia nel suo prossimo si allontana per qualche istante dal suo magazzino lasciando la porta aperta.
Il destino vuole che proprio in quel momento capiti da quelle parti un ragazzetto appena adolescente, lui è un po’ una testa calda e conosce i vicoli a menadito.
Uno sguardo, lo stupore, la tentazione: là, nel magazzino, incustodita ecco una bella damigiana colma di tamarindo!
Il ragazzino non ci pensa su due volte, si intrufola dentro, si carica sulle spalle la damigiana e si allontana di corsa dal luogo del misfatto.
Non è facile passarla liscia perché proprio in quel momento sopraggiunge il garzone del signor Carlo che si lancia all’inseguimento del giovane malvivente.
Trambusto, confusione, urla e strepiti!
Al ladro, al ladro!
E gente affacciata alle finestre a guardare cosa succede, immaginate il ladruncolo con la damigiana sulle spalle e la sua fuga a perdifiato giù per Vico degli Indoratori.

Ovviamente il ragazzo non vuole perdere il suo prezioso bottino, ha dei progetti precisi per quel tamarindo!
E così eccolo scapicollarsi nei caruggi dietro alle Vigne, si fa largo tra la gente, non si arrende e di vicolo in vicolo arriva in Piazza della Posta Vecchia.
E qui, ostentando sicura indifferenza si dirige verso la bottega del Signor Luigi, uno che davvero non c’entrava nulla in tutta questa storia e guarda un po’ come si fa presto a finire impelagati in questioni spinose, accidenti!

Piazza della Posta Vecchia (4)

Tra l’altro io me lo immagino il Signor Luigi che va ripetendo ai suoi conoscenti quella storia della damigiana di tamarindo, santo cielo, guarda cosa va a capitare alla gente onesta!
E infatti il ragazzo si avvicina, posa la damigiana a terra e chiede al signor Luigi di custodirgliela per poco aggiungendo che a breve ritornerà riprendersela.
Il Signor Luigi secondo me non fece quasi in tempo a replicare, il ragazzino invece si dileguò nel dedalo dei caruggi e non si rivide mai più.
Dopo poco arrivò sul posto il fido garzone del Signor Carlo e finalmente il legittimo proprietario rientrò in possesso della preziosa refurtiva e tutto è bene quel che finisce bene.
Il ladro di tamarindo fu chiaramente denunciato e non saprei dirvi se in seguito abbia ancora fatto parlare di sé e delle sue gesta, la notizia è pubblicata sul quotidiano il Lavoro del 25 Aprile 1914.
Va detto che sui giornali di quel tempo è una sequenza interminabile di notizie simili, ogni giorno si legge di un via vai di gente malandrina che scappa da una parte all’altra dei caruggi con sacchi sulle spalle o rotoli di stoffa sottratti a timorose sartine, tanto per dire.
Quel giorno un sedicenne tentò il colpo e cercò di darsi alla macchia sperando di farla franca.
Mi sono chiesta cosa ne sia stato di lui e non so trovare una risposta, spero che poi abbia trovato in qualche crocevia del destino la rettitudine e persino la felicità, lui è il ragazzino di Genova che in quel lontano 1914 fu protagonista della faccenda del tamarindo.

Via della Maddalena (6)

Annunci

Vico di Scurreria la Vecchia, tra le case dei setaiuoli

Il tempo al di là dell’archivolto, in Scurreria Vecchia.


Tempo che scorre lento e ha un altro ritmo, ha i suoni e i colori del passato.
Al di là dell’archivolto, dietro Piazza San Lorenzo.

Contrata scutariae, così si chiamava Scurreria, zona nella quale erano le botteghe degli Indoratori e degli Scudai.
La poesia degli antichi mestieri  ritorna a noi in certi testi che descrivono la Genova operosa di altri tempi, quando in queste contrade si viveva della propria arte, come narra  Federico Alizeri: chi mettea pennello in istorie e chi fregiava d’imprese gli scudi.
A questi solerti arigiani e alla loro perizia sono dedicati altri caruggi.

Il primo tratto della strada che incrocia Scurreria, oggi nota come Via Arcivescovado, anticamente prendeva il nome da certi mercanti, detti appunto Toscani, che affittavano le loro botteghe dalla Curia già nel XV secolo, ed erano dediti a lavorare e a vendere tessuti di seta.
Vi erano così la Via e la Piazzetta dei Toscani, che corrispondeva allo slargo tra Piazza San Lorenzo e Via Scurreria.
Scurreria Vecchia, invece, era un tempo nota come Vico dei Toscani.

I tessitori di seta! Di loro vi ho già parlato, ricordate? Hanno persino una salita dedicata alla loro arte!
E già conoscete il più famoso di loro, colui che ebbe un destino amaro e crudele, quel Paolo da Novi che fu doge per appena 18 giorni.
Aveva dimora qui, nella zona di Scurreria.

Quale sarà stata la sua casa?

La seta, lucida e brillante.
Il filo dorato che si perde in intarsi e preziosi disegni.
E pensate, ai tempi della gloria di Genova, in occasione del Corpus Domini, i setaiuoli usavano stendere i loro raffinati tessuti  nel vicolo.

Scurreria Vecchia coperta dagli arazzi e dai velluti.

Però, sapete, anche i setaiuoli avevano le loro grane!
Pensate, nel lontano 1641, accadde un fattaccio che creò un certo trambusto.
Insomma, vedete quanto è largo questo vicoletto, mica una gran cosa!
E la seta e i velluti sono pregiati e delicati, vanno tenuti da conto.
Contro ogni previsione e con estremo disappunto di tutti setaiuoli, i mulattieri presero a passare per Scurreria Vecchia. Ma vi pare possibile?
Se ne potrebbe conoscere il motivo? E così i setaiuoli si riunirono, tutti concordavano che una siffatta soluzione non era tollerabile, assolutamente!
Ma caspita, da che mondo è mondo i mulattieri sono sempre passati in Vico del Filo!
Eccolo qua, è ben più spazioso direi!

E così gli abitanti di Scurreria, tutti coalizzati, si rivolsero alle autorità!
Un tempo fuori dal tempo, ma se verrete qui ancora troverete tracce di quei giorni.
Su questi muri, che hanno veduto vicende lontane.

Sotto lo sguardo benevolo di chi vi attende, quando passate l’archivolto.

Da certe finestre, che vivono una nuova vita.

Sulle corde da stendere.
Un tempo c‘erano gli arazzi e i tessuti dei maestri dell‘arte, oggi i panni di coloro che qui abitano, nelle case dei setaiuoli.

In quei giochi di luce imprevedibili che solo i nostri caruggi sanno regalare.

Nel mistero fitto della notte.

Tra le case dei setaiuoli, si cammina nella storia senza conoscere il mondo che ci circonda.
Le pietre, le chiavi sul muro, testimonianza di un tempo che ancora è tra noi.

Il tempo dei velluti e delle sete, il tempo al di là dell’archivolto.