Biciclette di caruggi

C’è sempre un posto dove poi le trovi, lasciate nell’attesa del loro legittimo proprietario.
Magari in cima a una di quelle discese che si gettano giù, verso la Maddalena.
Due biciclette, in quella breve frazione di tempo durante la quale la luce gioca con l’ombra e tu rimani ad osservare questa evanescenza labile, durano poco magie come questa.
E intanto i raggi del sole attraversano i raggi della ruota di una bicicletta di caruggi, in una mattina fredda e lucente, a Genova.

Annunci

La Madonna di Vico Salvaghi

Una Madonna nella città vecchia, una delle tante che vigilano su queste antiche strade.
E sapete, avrei certe storie da narrarvi su questi vicoli ma oggi vi mostrerò soltanto Lei, in quell’angolo di Genova al quale Lei appartiene.
Questa statua armoniosa si trova in Vico Salvaghi, un caruggio che parte da Via della Maddalena e da qui la vedrete, è posta ad angolo con Vico Gattagà.

vico-salvaghi-2

Tra muri vetusti, così spesso accarezzati dall’ombra, Lei.
E tutta la bellezza di gesti eterni e gentili, Gesù tra le Sue braccia e i piccoli putti a reggere un manto che la circonda.

vico-salvaghi-3

Vico Salvaghi termina in Via Garibaldi e salendo verso la strada dei palazzi nobiliari in certi giorni si notano i giochi del sole sui panni messi ad asciugare su un filo teso in mezzo al caruggio.

vico-salvaghi-5

E da lassù la prospettiva regala i toni caldi dell’arancio e dell’ocra.

vico-salvaghi-4

Su questo piccolo mondo, fatto di tante vite e di molteplici contraddizioni, si posa anche lo sguardo benevolo di Lei.
E così la luce la rischiara, in certe stagioni terse e limpide di vento.

vico-salvaghi-6

E così, davanti a Lei, scende la mattonata di Vico Salvaghi.
Sotto ai suoi occhi gentili, nei caruggi di Genova.

vico-salvaghi-7

E così il cielo si svela, in uno squarcio d’azzurro che tutto sovrasta: l’edicola, la figura di Maria, gli angeli e le vite degli altri, le case antiche dalle molte storie.

vico-salvaghi-8

Il suo sguardo e il suo dolce sorriso illuminano questo scorcio della città vecchia.
Eterea e piena di grazia, è la Madonna di Vico Salvaghi.

vico-salvaghi-9

La luce che hai negli occhi

La vita non ha mai un colore solo, la vita è fatta di sensazioni, di contrasti e chiaroscuri.
E così è per certi luoghi, non riesci a percepire esattamente il punto nel quale una tinta più vivace lascia il posto a un tono più tenue, tutto si mescola e quasi si confonde.
Ogni luogo, come la vita, ha la sua colonna sonora.
Una radio accesa, un telefono che squilla, una porta che si apre, i rumori di ogni giorno, le voci della strada e certi idiomi che non conosco.
Il suono di certi passi da un vicolo che si immette in quello nel quale mi trovo.
E’ un uomo e sembra avere una certa fretta, mi vede al centro del caruggio con la macchina fotografica in mano e si ferma.
Quando accade ringrazio e lascio passare chi ha avuto verso di me tanta rara gentilezza.
Il cigolio di una persiana, c’è sempre qualcuno che guarda di sotto.
– Non si passa! Dovete fare l’altro giro, stanno facendo i lavori in Via della Maddalena!
Io veramente pensavo di fermarmi qui.
Osservo.
E poi passa una ragazza dall’aria assorta e svagata, nel vicolo risuona il rumore dei suoi tacchi.
Osservo.
Il vento non arriva fin quaggiù, qui giunge un respiro lieve e quasi impercettibile.

Vico Salvaghi

Cerco un colore, uno solo.
E’ difficile, la vita è un gioco di sfumature e di ombre.
Ed è la luce che hai negli occhi a farti scegliere cosa vedere, niente altro, anche in certi luoghi che sono come la vita.
E la vita non ha mai un colore solo.

Vico Salvaghi (2)

Vico Salvaghi