Una sosta golosa alla Pasticceria Viganotti

Nel continuo girovagare per i caruggi di Genova è anche piacevole concedersi meritate soste golose e per andare a colpo sicuro occorre conoscere gli indirizzi giusti.
E’ celebre l’antica tradizione della Cioccolateria Viganotti, dal 1866 delizia i palati dei genovesi con raffinate dolcezze, ho già avuto modo di scrivere del bellissimo negozio di Vico dei Castagna in questo mio articolo.
C’è anche un altro luogo che vorrei mostrarvi e lo troverete facilmente anche se non siete di Genova.
Date le spalle alle Torri di Porta Soprana e imboccate la strada di fronte a voi, Salita del Prione.

Salita del Prione (2)

Un susseguirsi di case colorate, questa via vi condurrà in Piazza delle Erbe.

Salita del Prione

E prima che giungiate nella piazza dove un tempo si teneva il mercato in Salita del Prione troverete la Pasticceria Caffetteria Viganotti, uno scrigno di sublimi dolcezze nel cuore della città vecchia.

Viganotti

Un locale raccolto dove si respira una bella atmosfera.

Viganotti (3)

Niente tavolini, si è serviti al bancone e l’unico sforzo che dovrete fare sarà guardare sotto al vetro e scegliere il vostro dolcetto preferito!

Viganotti (4)

Potrete anche comprare il caffè per le vostre colazioni casalinghe.

Viganotti (5)

E dunque, cosa gustare in questa bella pasticceria?
Vi va un biscotto o una dolce meringa?

Viganotti (6)

Ecco vari tipi di frollini ricoperti di cioccolato e i classici canestrelli.

Viganotti (7)

E poi tortine alla frutta e cavolini alla panna.

Viganotti (8)

Cannoli alla crema e tortine per tutti i gusti.

Viganotti (9)

E c’è un grande vaso, questa è la barbagliata per la cioccolata calda per ritemprarsi dai rigori dell’inverno.

Viganotti (10)

Sotto al banco frigo stanno schierate in buon ordine altre golose bontà.
Non è semplice scegliere, io assaggerei tutto!

Viganotti (11)

E ditemi, quanto è bella questa cheese cake?

Viganotti (11a)

Dopo aver gironzolato un po’ alla fine ho puntato l’indice verso una fetta di torta per me particolarmente invitante.
Ho detto:
– Voglio quella lì!
Sì, proprio come fanno i bambini!

Viganotti (12)

Eh, alla cheese cake ai frutti di bosco proprio non resisto, era morbida, dolce al punto giusto e semplicemente deliziosa.

Viganotti (13)

Prendete nota, il luogo dove si gustano cotante bontà è tra gli indirizzi da ricordare e come vi ho detto si trova in Salita del Prione, c’è anche una gelateria e presto ve ne parlerò.
A proposito, sapete come mai questa strada porta questo nome curioso?
Leggete qui, è una storia che naturalmente ci porta nel passato di Genova.

Salita del Prione (3)

Laggiù, tra i caruggi della Superba, trovate gli ottimi i dolci della Pasticceria Viganotti.

Viganotti (14)

Viganotti, il trionfo del cioccolato

Vi porto ancora una volta per i miei  caruggi che tanto amo, dove si respira l’aria del tempo passato.
Scendendo per Vico dei Castagna, nei pressi di Porta Soprana, si incontra questo passaggio.

E poi, ancora oltre, un’antica porta di legno scuro, con i vetri smerigliati.
Quali meraviglie si troveranno al di là di essa?

Un muro rosa confetto, due tendine candide, il mobilio chiaro, un espositore bianco, nel quale sono riposti i vassoi con decine di delizie.

Viganotti è il regno del cioccolato, cioccolato della migliore qualità e di tanti tipi diversi: fondente, al latte, bianco e gianduia, con le nocciole e con le mandorle.

Tutti noi abbiamo bisogno di dolcezza, questo è ciò che troverete da Viganotti, tenera dolcezza.

E in quei bei cestini di vimini, sulla carta, vengono posate altre delizie: gli agrumi canditi e tuffati nel cioccolato.
E sono scorzette di arancio, limone e pompelmo, e poi i boeri e i cioccolatini di infinite varietà.
Si viene qui e si torna a casa soddisfatti,  con un vassoietto carico di sublimi dolcetti.

Questo negozio, nei periodi di festa, è affollatissimo.
Se verrete qui sotto Natale o a Pasqua, potrebbe capitarvi di non riuscire ad entrare per la coda.
Attendete il vostro turno, come fanno tutti i genovesi, ne vale davvero la pena!
E quando sarete davanti al bancone, davanti ai vostri occhi si dischiuderà uno spettacolo di dolce bontà.

Un piano di vetro, e sotto di esso queste meraviglie, pasta di mandorle, pasta di gianduia, cioccolato scurisssimo e senza zucchero.


E coppette con i cioccolatini ai più svariati aromi: anice stellato e  cannella, peperoncino e  verbena, lavanda e citronella sono solo alcuni che gusti che potrete assaporare.

E poi le caramelle e le gelatine, le uova di Pasqua e i marron glacé, in un trionfo di golosità.
E sul ripiano, alle spalle del bancone, i contenitori di vetro con le praline!

E sapete, la bontà di Viganotti ha radici antiche, lontane nel tempo.
La tendina si scosta e mostra il laboratorio dove vengono confezionate queste meraviglie.
E tu osservi e pensi che no, non ti sembra possibile, eppure ancora è così.

La dolcezza è prodotta a regola d’arte, utilizzando cacao ed ingredienti di prima qualità e lavorano senza sosta gli antichi macchinari, per portare le scorzette d’arancio e i boeri sulle nostre tavole.
Una bottega preziosa nella vecchia Zena, nella Zena dei caruggi, dove si trova il ciocciolato più dolce, il cioccolato di Viganotti.