Le cassette delle elemosine e le strade della carità

Quante strade conosce la carità?
E quante mani generose hanno lasciato una moneta tintinnante per donare sollievo al prossimo?
Qui, nella città vecchia, l’altruismo guidava queste persone verso quelle cassette delle elemosine che già vi ho mostrato.
Una si trova in Vico San Pietro della Porta, ve ne ho parlato qui, nell’articolo nel quale vi narro anche del Magistrato di Misericordia.

La cassetta dell'elemosina

E la seconda è in Via della Maddalena e qui trovate il post.

Cassetta dell'elemosina (2)

Ma le strade della carità sono numerose, a volte in ombra e nascoste, a volte sono percorse da molti di noi.
E si cammina, ognuno verso la propria meta, siamo spesso distratti dai nostri pensieri.
E allora oggi voglio mostrarvi qualcosa che forse molti di voi non hanno mai notato.
Vi porto in Via delle Grazie, nella parte bassa si trova una bella edicola.

Via delle Grazie  (2)

Che c’è di strano?
Certo, dall’immagine non potete vedere nulla ma osservando bene nel muro potrete notare il vano che un tempo ospitava la cassetta dell’elemosina.

Via delle Grazie  (3)

E poi ancora, la carità conosceva la via di un piccolo caruggio, alle spalle dell’affollata Via San Lorenzo.
E’ Vico del Gesù, dove di nuovo troviamo un’edicola votiva.

Vico del Gesù

E sotto lo spazio per la cassetta.

Vico del Gesù (2)

Un’immagine sacra della Madonna o di un santo.
Era così che i più ricchi donavano ai più poveri, lasciando le elemosine in quelle cassette.
Così era in Vico Cinque Lampadi.
E qui le cassette erano due, una accanto all’altra.
Ecco dov’era la prima.

Vico Cinque Lampadi

E vicino c’era la seconda.

Vico Cinque Lampadi (2)

E poi le vie della carità portano altrove, in Piazza di Santa Maria degli Angeli.
C’è un’edicola, ormai vuota, un tempo qui venivano i devoti genovesi di questi caruggi.
Ora c’è un cantiere, certo questo angolo non è in buone condizioni.

Piazza Santa Maria degli Angeli

E c’era qui una piccola cassettina, sotto c’è una piccola lapide sulla quale si leggono le parole: ELEMOSINA NRA SIGNORA.

Piazza Santa Maria degli Angeli (2)

E ancora, la via della carità conduce in un altro luogo, in Vico Indoratori.
All’angolo della casa Natale di Santa Caterina da Genova, questo palazzo che ospitò una donna buona e dedita agli altri.
E anche qui troviamo un’edicola.

Vico Indoratori 3

E sì, il vano che ospitava la cassetta bisogna proprio cercarlo, è nascosto dietro il palo che regge un segnale stradale.
Eppure c’è, un tempo cadevano qui monete destinate ai meno fortunati.
L’immagine che segue è l’ultima  di questo articolo ma la mia ricerca di tesori nascosti in quegli antichi caruggi ancora non è terminata e ancora mi porterà laggiù, sulle strade della carità.

Vico Indoratori

Annunci

48 pensieri su “Le cassette delle elemosine e le strade della carità

  1. Ma come hai fatto a scovarle?!? Si vede che vai in giro con il fiuto di una vera detective!…scommetto che molti genovesi passano da quelle stradine tutti i giorni e non notano niente. È proprio vero che per vedere bisogna saper guardare! Bacioni

  2. Incredibile quanti piccoli tesori e pezzi di storia si possano incontrare passeggiando per Genova. Quante cassette ancora ci sono e pensare che importanza hanno avuto nel sostentamento delle fasce deboli.
    Un abbraccio!

  3. io sn una di quelle genovesi che quando vengono in centro non hanno mai notato queste preziose chicche…meno male che ti ho incontrato… mi arricchisci sempre con i tuoi post. GRaZIE! ♥

  4. Un segugio. Non sei una ragazza “normale” Miss Fletcher: di nome e di fatto!
    Ed ora mi gusto a ritroso gli ultimi tuoi post.
    Bacetti Susanna

  5. A volte anche un angolino dimenticato delle nostre città, davanti al quale passiamo di fretta tutti i giorni, nasconde delle storie interessantissime. Brava Miss Fletcher che ce le fai notare! 🙂

  6. Sei veramente bravissima,si vede che sai vedere e non solo guardare…io avevo visto solo quella di S.Pietro vicino a Banchi….Grazie ancora per questa e per gli altri racconti e buona giornata….

  7. Cara Miss. hai scelto un’altro agomento toccante che dimostra la grande sensibilità che aveva il popolo genovese verso i poveri, in un periodo in cui la ricchezza era nelle mani di pochi.
    Le cassette che ci hai postato sono una testimonianza importante della nostra storia, che insieme alle grandi opere di beneficienza sorte a Genova per grazia di molti filantropi ci rendono ancora oggi orgogliosi della nostra amata città.
    Brava mi stupisci sempre.
    Eugenio

  8. che bello questo tuo articolo! non avevo mai notato le cassette delle elemosine mi sento colpevole cammino con glli occhi bendati senza guardare senza vedere . grazie per provare ad aprirmi la mente alle cose belle della mia citta. Piccola nota : non sono poi cosi avari i genovesi… eh che ne dici ? ciao miss Fletcher buona giornata

  9. Genova, a discapito di quanto si creda, era una citta’ devota e sollecita verso i meno fortunati. Lo faceva in silenzio, con queste cassette anonime, con discrezione. Miss, perche’ non ci racconti la storia del lotto, u semenaiu, inventato per dare la dote alle ragazze povere?!

  10. Ma io non capisco………..sarebbe ancora cosi’ bello vederle ancora nella loro posizione originale!!!!Perchè le hanno tolte?!!!!Comunque io passando e vedendo quei buchi non avrei mai immaginato che ci fossero delle cassette per le elemosine!!!Come al solito me lo hai fatto scoprire tu!!!!

  11. Che peccato che di molte restino solo i buchi… e’ come se con le cassette avessero strappato via anche un pezzettino di storia : continua a tramandarcela, ti prego!

  12. Pingback: Edicole e immagini sacre in Via Prè, sulle tracce della devozione | Dear Miss Fletcher

  13. Questo è bellissimo, mi crogiolo nella mia ex ignoranza,ora mi hai fatto un dono prezioso ulteriore conoscenza della ns. bella città, e della sua storia ,io le Edicole le credevo fine a se stesse votive e basta,come tante in giro per l’ Italia, ma noi zeneisi siamo unici, e palanche devono fare la loro parte in solido nelle cassette sotto l’Edicole, anch’io sono cosi se passo sotto l’ edicole attive farò lo stesso.Grazie Miss!!!!:)))

    • Grazie caro Pino, le edicole e le cassette dovrebbero essere rivalutate, ne ho trovate anche altre come queste, c’è solo l’alloggiamento nel muro e nessuna cassetta, non so quante persone sappiano cosa c’era un tempo su quei muri….un abbraccio a te carissimo, grazie di cuore!

  14. Mi chiedevo da sempre cosa fossero quei “buchi” nel muri. Nessuno ha mai saputo rispondermi. Ora lo so! Grazie Miss, questo è uno splendido regalo di Natale ❤ ❤ ❤

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.